Storico Carnevale di Ivrea… da pazzi!!!
Radio Beckwith evangelica

 

Ciao!!!Carnevale di Ivrea

Era venerdì e abbiamo pensato che è sempre un buon segno perché il fine settimana è vicino. Ieri siamo andati a Ivrea, una piccola città a circa 120 km da Torre Pellice per assistere ad una tradizione simile a quella di Tomatina, a Buñol (vicino a Valencia, in Spagna), però questa “battaglia” è con le arance e sembra essere un po’ più dolorosa. Ed è proprio così 🙂

Per andare a Ivrea siamo andati in autobus da Torre Pellice a Pinerolo e dopo abbiamo preso il treno che va a Chivasso.  Dopo abbiamo aspettato un’ora e mezza per prendere un’altro treno per Ivrea. Questo era pieno di persone che stavano andando al Carnevale. Siamo arrivati a mezzogiorno e mezza. Abbiamo camminato un po’ e abbiamo visto una lunga fila di cento o duecento persone per comprare i biglietti, per entrare nel centro della città, e per vedere e vivere l’ emozione di questa tradizione.

Abbiamo deciso di andare e vedere se era possibile comprare i biglietti e entrare dentro. E dopo 10 minuti abbiamo visto un altro ingresso però questo solo con due/tre persone in fila. Questa é stata molto veloce e poco noiosa.

Dopo essere entrati abbiamo visto per la prima volta molte arance. Scatole e scatole, centinaia e cantinaia, piene d’arance usate come “munizioni” per la battaglia, alcune di queste ghiacciate.

Dopo avere scattato alcune fotografie abbiamo domandato quando sarebbe cominciata la festa ad una persona che era vestita con un abbigliamento tipico di questa tradizione. Tutti i quartiere della città si vestono con costumi, però in modo differente di quartiere in quartiere. È come una lotta con le arance per vedere chi vince. In tutti i quartieri passano varie macchine con circa  dieci persone sopra, e sono sempre lì a lanciare arance. I quartieri sono pieni di persone vestite, e lo spazio è piccolo per passare con la macchina.  In questa macchina le persone sono protette con maschere di ferro, però le altre persone che sono nel quartiere non hanno niente, solo le arance e sono sempre lì a lanciare queste alle persone sulla macchina. Si vedono decine di arance nell’ aria ogni secondo che raggiungono varie persone. Sono momenti pieni di emozione.

Dopo un’ ora di questa “avventura” siamo andati un po’ sulla città e abbiamo visto quanto era bella. Piccola come Torre Pellice però interessante. Siamo andati un po’ in giro e siamo stati nel centro di Ivrea, nella piazza principale. C’era molta la confusione. Piena di persone. Era difficile andare. Siamo stati fermi lì fino alla fine di una delle molte battaglie. Dopo di questa, abbiamo visto che tutto il “campo di battaglia” era dipinto di rosso, e aveva alcuni centimetri di altezza. Avremmo potuto quasi fare un bagno come a Buñol, in Spagna.

Quando abbiamo visto l’orologio era quasi ora di ritornare a casa. L’ultimo treno era alle sei e mezza. Siamo ritornati a Torre Pellice molto contenti dopo questa giornata… da pazzi!!! 🙂

Potete vedere alcune fotografie di questa tradizione Carnevalesca di Ivrea nel finale di questo post.

Per sapere la sua storia potete vedere questi links:

 

Grazie mille a Meo per averci aiutato in questo difficile e lungo lavoro di traduzione!

 

A presto
cjferreira e Inês

[divider style=”full-dotted”/]

 

[nggallery id=7]