Dai Coppieri alla conquista del Castelluzzo
Radio Beckwith evangelica

Domenica pomeriggio con il sole ho seguito il consiglio di Matteo e ho deciso di andare fino ai Coppieri a cercare di avvicinarmi più delle montagne e conoscere quella zona li.Valigia sulla schiena (solo con la Nikon e una sciarpa dentro) sono uscito da casa alle 14:00 fino a parte ovest di Torre Pellice, dove ci sono i Coppieri, piccoli agglomerati di case vicini alle montagne.

DSC_3812

Ora, proprio li ho visto un parco con un segnale con informazione su i sentieri in montagna e ho deciso di andare su Castelluzzo perché non c’era tanta neve ed era più facile andarci che gli altri.

Sempre salendo su i sentieri dei pastori, in terra ho trovato pezzettini più grossi di neve che non erano sciolti ancora.  Un paio di curve dopo, perché il sentiero era  fatto a “S”, e già molto vicino della vetta, veramente un paio di metri, c’era tanta neve che non riuscivo a andare più avanti perché non avevo abbigliamento adatto  alla neve e anche per sicurezza, perché ero solo li e se mi succedeva qualcosa poteva essere una situazione grave e difficile.

DSC_3888

Comunque la soddisfazione di avere potuto scattare foto fantastiche e vedere quelle montagne – che vedo tutti i giorni dal balcone della mia stanza – ma adesso erano più vicini e ho visto le montagne come mai aveva visto… pieni di neve con il vento sopra a trascinare i frammenti di neve sull’aria, il bianco della neve a riflettere la luce del sole e il verde dei prati la in fondo della valle con Torre Pellice a diventare ancora più piccola vista dell’ alto del Castelluzzo. Semplicemente bello!

João