Parliamo di… birre italiane!
Radio Beckwith evangelica

Mentre si avvicina la fine del mio stage, comincio a pensare alle cose che mi mancheranno quando tornerò in Portogallo. Potrei elencare una serie di aspetti, come il gusto per la semplicità a Torre Pellice, la vicinanza delle montagne che tanto apprezzo, il lavoro in radio, le visite a Torino, etc.

Da un enorme elenco di roba di cui parlare, ho scelto le birre. E perché? Probabilmente perché è stata una cosa, per quale io non avevo nessuna attesa. Avevo attese sul vivere in una valle, sul freddo, sul lavorare in una stazione radio, sulla città di Torino, sul cibo italiano, che è già così ben noto a livello internazionale, etc. Ma una cosa che non dimenticherò è la prima volta che ho bevuto una semplice Moretti che ho comprato al supermercato. Birra economica… sapore “normale”, giusto?

Quando l’ho assaggiata, ho notato una differenza evidente tra questa semplice birra italiana e le semplici birre portoghesi. Gas più leggero, sapore più intenso e prezzo, ottimo! E così, é cominciata la necessità di assaggiare più birre italiane, come la Poretti, Peroni, Nastro Azzurro, Menabrea, Forst e molte altre.

birra_cibo

 

Un giorno, João ed io siamo stati invitati dal nostro collega Billo, a mangiare al Britannia Pub, a Torre Pellice. Qui, per la prima volta, ho assaggiato una sorta diversa da tutte le altre birre: la artigianale Baladin Super. Che sapore! Diverso da tutte le birre che abbiamo assaggiato fino a quella sera. Ovviamente sono venuto più volte in questo bar per assaggiare altre diversità del birrificio Baladin, come: Super Bitter, Nora e Isaac. Ci sono molti altre birre diverse di questo birrificio da assaggiare, però!

Venerdì 18 aprile andrò al birrificio Beba , in Val Chisone, per una nuova degustazione di questo  tipo di birra non pastorizzata! Aspettative? Solo di essere sorpreso ancora una volta dal sapore, che finora ho trovato solo in questo meraviglioso paese.

 

Carlos Gabriel Vieira