Io e la collina
Radio Beckwith evangelica

Sono cresciuto in una città chiamata Lamego, nel nord all’interno del Portogallo, nella regione di Trás-os-Montes, in italiano “Dietro le colline”. È normale, quindi, che mi sento bene vicino delle montagne, è anche normale che le mie montagne mi mancano, ma la verità è che tutti i luoghi dove si poteva andare al programma di Da Vinci, questo è probabilmente quello che mi fa sentire più a casa.

Ieri, godendoci l’amicizia, la pazienza e la buona volontà del nostro insegnante di italiano, Agostino, siamo andati a piedi sulle montagne.

Il primo pit stop è stato il Forte di Fenestrelle. Considerato dal 1999 come simbolo della provincia di Torino, questa fortezza fu iniziata nel XVIII secolo, in fase di completamento 122 anni più tardi. Con più di 4.000 gradini, 635 metri di dislivello e più di un milione di metri quadrati, il Forte di Finestrelle è stato inizialmente pensato per proteggere il confine franco-italiano, ma non è mai stato teatro di pesanti combattimenti, solo alcuni conflitti minori durante la seconda guerra mondiale.

Abbiamo proseguito verso Usseaux, un piccolo paese incredibilmente bello, con poco più di 200 abitanti, che è pieno di dettagli, come le porte delle derivazioni del gas che sono dipinte.

Fiori, natura, botteghe artigiane, infine, una quantità enorme di buoni motivi per visitare il paese.

Continuiamo la nostra giornata verso il lago Laux, un piccolo paradiso per riposare, pic-nic, godere del bel tempo e per essere in contatto con il più naturale che ci sia sulla terra.

Dopo Pragelato, un altro villaggio che ha ricevuto la Olimpiadi invernali del 2006. Solo il trampolino spicca in questa piccola cittadina situata proprio sul bordo del fiume Chisone. Poi siamo andati a Sestriere, solo per avere un’altra vista di tutto ciò che era intorno a noi.

Siamo tornati a Torre Pellice, ma prima sosta a Pinerolo a mangiare un gelato, poiché il calore si faceva sentire. Sono tornato a casa con il curoe pieno. Poi le montagne sono proprio qui a fianco e mi fa bene. Che cosa sono io senza le montagne?