Siamo alla fine dell’anno e osiamo toccare il vertice. Per non soffrire di vertigine, o per poterne soffrire in santa pace, affrontiamo un excursus tra vertici di senso e abissi di parole che danno sostanza ai nostri dubbi, ai nostri pensieri, un po’ deliranti, un po’ desideranti, un po’ trasformativi, un po’ spaziali e subliminali. Tra stelle comete, spade fiammeggianti, offre liste di desideri grunge, incubi swinganti, e un diaframma di specchi d’acqua. Certo la vertigine richiede equilibrio, per l’equilibrio c’è l’organo del labirinto che è nell’orecchio interiore di ciascuno di noi, che dovrebbe essere ascoltato, per poter evadere dallo psicopenitenziario che è in tutti noi. Il nucleo di follia militante offre questo ai suoi ascoltatori, purché si ricordino di assumere rigorosamente la pillola di Normalina [AVVERTENZA: leggere attentamente il foglietto illustrativo:https://segnaliblog.wordpress.com/]

 

Ascolta il podcast della puntata