Segn/Ali Radio – 21 marzo – C’è poesia nell’aria, e anche nell’etere.
Radio Beckwith evangelica

C’è poesia nell’aria, e anche nell’etere. In radio, sul web, in strada, in voce, in testa, in alto i cuori (sursum corda)… inizia la primavera e come ogni 21 marzo festeggiamo anche su RBE la giornata mondiale della poesia. Letture, declamazioni e riflessioni sul ritorno della luce, ciclico rito di passaggio, cambiamento o eterno ritorno? E chi lo sa con certezza?

Una cosa è certa: dobbiamo dobbiamo dobbiamo rilassarci, se il vento soffierà troppo forte o sarà solo l’ennesima paranoia che ci fa restare nella bonaccia senza inni alla gioia, lingue misteriose che filtrano idee e le immergono in strane abluzioni alchemiche. Uomini di poche parole, con molta sostanza, pacieri effimeri e fondamentali che ci fanno vivere ricorda noci che non è un mondo di merci. E quindi la poesia e queste sue parole danno senso al nostro vivere senza poter essere spiegate ma offrendoci occasioni d’incontro e ascolto profondo.

[AVVERTENZA: vi teniamo d’occhio anche se non alzate troppo in alto le vostre bandiere: assumete sempre la Normalina!]