Vaccini, libertà e rispetto del vivere comune
Radio Beckwith evangelica

La settimana scorsa il Governo italiano ha varato un decreto legge per garantire le coperture vaccinali nel nostro paese che impone i vaccini ai bambini da 0 a 6 anni contro 12 malattie per potersi iscrivere al nido o alla materna. Fino alla settimana scorsa vi erano solo quattro vaccini obbligatori, ovvero epatite B, difterite, tetano e poliomielite, ai quali sono stati aggiunti pertosse, Hib, morbillo, parotite, rosolia, varicella e meningococco di tipo B e C. Le critiche maggiori a questo provvedimento riguardano la possibile incostituzionalità di un decreto che impedisce l’accesso a scuola, ma soprattutto la possibilità – imponendo l’obbligo – di allontanare l’opinione pubblica dalle scelte responsabili, condivise e consapevoli su un tema così delicato. Ne abbiamo parlato con l’avvocata Silvia Rostain, anche membro della Commissione Bioetica delle chiese battiste, metodiste e valdesi.

Continua a leggere su Riforma.it

Continua a leggere su Riforma.it
Immagine: Di EU2016 SK - Informal Meeting of Health Ministers (Informal EPSCO-Health) 2016-10-03, CC0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52143214