Un nuovo spazio per i musulmani a Pinerolo
Radio Beckwith evangelica

In tutta Italia l’apertura di nuovi luoghi di culto che riflettono il pluralismo religioso della società in cui viviamo porta con sé polemiche e dibattiti che non sempre riescono ad andare oltre slogan e posizioni precostituite, spesso applicate allo stesso modo a contesti molto differenti. Il recente annuncio dell’avvio del percorso per la costruzione di un nuovo centro di preghiera e cultura islamica a Pinerolo non fa differenza, e alcune dichiarazioni lette su Facebook lo confermano.

Siamo andati a conoscere la comunità islamica per cercare di capire che cosa possa significare questo passo per una popolazione in crescita e sempre più radicata nel territorio pinerolese.

L’attuale luogo di culto dei musulmani pinerolesi si trova in Corso Torino, ma non è più sufficiente per accogliere i fedeli della comunità che negli anni è arrivata a contare circa 600 persone. Più che di una vera moschea, è opportuno in questo caso parlare di un centro culturale e religioso, organizzato in nell’associazione culturale Tauba, retta da un direttivo che organizza anche attività sportive e gite sociali.

Con il nuovo spazio, racconta Hamid Tayert, da oltre vent’anni a Pinerolo e in passato membro del consiglio cittadino della comunità islamica, si intende creare «un luogo di partecipazione per gli uomini e le donne musulmane». La struttura, ha spiegato Youness Anfaiha, vicepresidente dell’associazione Tauba, «sarà autofinanziata in base alle donazioni e alle quote associative che vengono versate ogni mese nelle casse della moschea, quindi la data di fine del progetto non è prevista, perché andiamo in base alle nostre disponibilità economiche».

Continua a leggere su Riforma.it

Continua a leggere su Riforma.it