Da Saluzzo ad Avigliana, passando per la pianura pinerolese. Poi Susa, Novalesa, il passaggio sul Moncenisio, la discesa nella valle della Maurienne, Tournon, Annecy e infine Ginevra.

Un passo dopo l’altro, ormai superata la metà del percorso, i cinque ragazzi del gruppo giovani della chiesa valdese di Pinerolo avanzano, rispettando la tabella di marcia per arrivare a Ginevra nel fine settimana.

Anna, Chiara, DanieleGiacomo e Federico ripercorrono la strada dell’Esilio dei valdesi del 1687: un tragitto di circa 350 km, partito venerdì 21 luglio dalla Castiglia di Saluzzo. Il tracciato segue le indicazioni de Le Strade degli Ugonotti e dei Valdesi, progetto di cooperazione internazionale certificato dall’Unione europea, che valorizza i territori e la storia delle persecuzioni religiose del XVII secolo.

La storia dei circa 3.000 valdesi esiliati dal Piemonte nel 1687 e deportati a Ginevra, in Svizzera, con una marcia forzata attraverso le Alpi, rivive nell’impresa che i cinque ragazzi stanno portando a termine e che altri prima di loro hanno percorso.

Continua a leggere su Riforma.it