Accoglienza, aiuto e cura
Radio Beckwith evangelica

Questa mattina, martedì novebre, è stato presentato il progetto di accoglienza che vede protagonista l’Ospedale Evangelico Internazionale di Genova (Oeige), inserito nel programma dei Corridoi Umanitari della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Tavola Valdese e Comunità di Sant’Egidio.

L’accoglienza sarà curata dall’Oeige in stretta collaborazione con la Diaconia Valdese. La Csd potrà condividere le esperienze maturate nel campo dell’accoglienza, concretizzando competenze e progettazione anche a Genova.

Alla presentazione erano presenti Loretta Malan, Giovanni Comba e Gianluca Barbanotti per la Diaconia Valdese, il pastore William Jourdan, da qualche mese in servizio alla chiesa valdese di Genova e Luciano Griso, medico che lavora con i corridoi umanitari.

I saluti di benvenuto, con una breve presentazione del lavoro dell’Ospedale, sono stati fatti da Barbara Oliveri Caviglia, presidente dell’Oeige, a cui abbiamo chiesto dei dettagli sull’iniziativa.

genova_2.jpg

Che ruolo avrà l’Ospedale Evangelico in questo progetto?

«Prevede l’ospitalità di alcune famiglie siriane, giunte in Italia con il volo di fine ottobre dal Libano attraverso i Corridoi Umanitari. L’Ospedale mette a disposizione degli alloggi di sua proprietà e si impegna anche a promuovere iniziative di sensibilizzazione e informazione rivolte ai migranti, sul funzionamento del servizio sanitario pubblico e sui criteri di accesso. Una comunicazione che non riguarda solo i servizi che offre l’ospedale evangelico, ma anche quelli delle altre aziende ospedaliere: vogliamo creare una sinergia, in modo da poter offrire risposte adatte ai diversi bisogni dei migranti. E inoltre siamo contenti che si sia avviata questa collaborazione con la Csd, su più fronti».

Continua a leggere su Riforma.it