Polvere di stelle – puntata 4
Radio Beckwith evangelica

Polvere di Stelle del 13 novembre: questa notte apriamo bene le orecchie! Ci sarà qualche stella che danza e molte stelle che parlano. Dialogheranno o ci affabuleranno con storie senza capo né coda? Sono le voi delle stelle ad accompagnarci, quelle che vorremo sentire più spesso, quelle che preferiremmo non sentire, quelle che immaginiamo, ma che forse sono non i cielo ma nella nostra testa remixata.
Le voci delle stelle sono un’idea astratta per riprendere e intrecciare visioni già comparse nelle scorse puntate. Oltre ad una lettura alchemica e metaforica, ecco che i saperi degli antichi maghi e astronomi si connettono con la poesia e la prosa, e il fondale della nostra mente.

 

Ascolta la puntata:

 

Appunti per un ascolto più approfondito: dopo la visione del Mulino di Amleto e del cielo visto e raccontato dagli antichi, ci immergiamo di nuovo nelle profondità di uno sguardo arcaico, di chi nell’articolazione di una serie di sillabe costruiva dizionari saacri. Un libro di riferimento è l’Ardore di Roberto Calasso.

La psicostasia o pesatura del cuore, è l’atto magico rituale celebrato nell’antico Egitto, ad opera del dio Anubi, dalla testa di sciacallo. Dall’Egitto, giunsero i misteri fino in occidente: li esportò un mistagogo che assunse poi le sembianze di poeta. Orfeo. L’orfismo per certi versi è una tradizione analoga e affine a quella alchemica e ad un certo sviluppo del sapere indiano, successivo al Veda.

Sulle analogie tra le tradizioni arcaiche è possibile fare riferimento ai saggi di Raphael pubblicati a dalle edizioni asramvidya.

Appunti tra le note:
Gnossienne nr. 1 (versione per ukulele)
Voices Inside My Head – The Police Ashely Beedle & dj Harvey Remix
A Raga Called Pat pt. 1 – John Fahey

Sullo schermo stanotte: doppia scena tratta da Manhattan di Woody Allen