Il maltempo e le strade nella Città Metropolitana di Torino
Radio Beckwith evangelica

Le intense piogge di questo periodo hanno ulteriormente minato la condizione dell’asfalto e lo stato delle strade nel territorio della Città Metropolitana di Torino. In più, hanno causato smottamenti e frane, oltre all’ingrossamento dei fiumi e hanno creato preoccupazione per l’allerta gialla lanciata dall’Arpa Piemonte nella giornata di domenica 13 maggio.

Un meteo complicato

«Siamo ancora in una situazione meteorologica variabile», spiega Secondo Barbero, responsabile dei sistemi previsionali di Arpa Piemonte. «I temporali più intensi sono quelli caduti domenica 13. In particolare, nel pinerolese abbiamo superato i 100 mm di pioggia con degli scrosci che hanno avuto intensità oraria oltre i 20 mm, con grandinate importanti in alcuni punti. Da qui in avanti dovremmo avere un’attenuazione dei fenomeni e progressivamente l’allerta gialla sta rientrando. Ci saranno ancora dei rovesci ma sporadici e non si ripeteranno fenomeni così intensi come in questi giorni».

I danni maggiori nel Pinerolese e a Bricherasio

Le intense piogge hanno causato a Bricherasio l’esondazione del torrente Chiamogna, che ha allagato il centro del paese e parte della provinciale 161 della val Pellice all’altezza della frazione Cappella Merli. «L’enorme quantità d’acqua caduta domenica – ha commentato il sindaco Ilario Merlo – ha fatto esondare tutti i torrenti che attraversano Bricherasio. Sono state allagate le strade e qualche abitazione in tutte le frazioni: Cappella Merli, San Michele, Cappella Moreri. Siamo intervenuti subito con i volontari della Protezione Civile e con i Vigili del Fuoco chiamati dai cittadini che avevano le case allagate. Con i mezzi meccanici siamo intervenuti per liberare alcune strade che abbiamo dovuto chiudere a causa di frane e smottamenti: strada Santa Caterina, strada Basse, strada Rivà, strada Cesani, Borgata Bocco. Ma già da lunedì avevamo liberato tutte le strade e avevamo fatto tornare la situazione alla normalità»

Continua a leggere su Riforma.it