Un territorio più protetto
Radio Beckwith evangelica

Dal 13 giugno le aree protette gestite e tutelate dalla Città Metropolitana di Torino hanno moltiplicato la loro estensione, passando da 4.000 a 31.000 ettari. «È un passaggio a dir poco epocale – spiega Gabriele Bovo, dirigente responsabile aree protette della Città Metropolitana di Torino – È merito della Legge regionale 23 del 2015, che stabilisce che la gestione delle aree della Rete Natura 2000 possa essere delegata dalla Regione Piemonte alle Province e alle Città Metropolitane». Con la nuova normativa sono 27 i siti di interesse comunitario a ricevere una nuova forma di tutela, aree che si vanno ad aggiungere a quelle già esistenti e tutelate dalla ex Provincia di Torino.

Che cosa prevede l’attuazione della legge?

«Prevede l’affidamento con durata illimitata di 27 aree Sic (Siti di interesse comunitario) al Servizio pianificazione e gestione rete ecologica, aree protette e vigilanza ambientale della Città Metropolitana. La legge ci consente anche di affidare la gestione di alcune aree a enti terzi. Per esempio, dall’autunno delegheremo sicuramente la gestione di alcune aree al Parco Alpi Cozie, con cui verranno definiti protocolli di collaborazione operativa».

Continua a leggere su Riforma.it