Rappresentare l’aldilà
Radio Beckwith evangelica

Sarà capitato a tutti di soffermarsi a riflettere su immagini legate al castigo degli iniqui dopo la morte: scene di gironi danteschi che fanno sperare che il trapasso non sia così simile alle sofferenze che si possono incontrare in vita o vedere in un telegiornale.

Molto più difficile è riuscire a immaginare e, soprattutto, rappresentare, la beatitudine. Lo scenario sarà comunque parziale, ancora materialmente simile alla realtà empirica; ma alcuni dettagli, come i sassolini sul sentiero che conducono a casa, possono portare a una parziale intuizione di un’aldilà di pace.

Attraverso alcune immagini il dibattito col teologo Paolo Ricca continua, sulle tracce di una possibilità data dal linguaggio visivo, di esplicitare meglio delle parole, una dimensione, seppur probabilmente parziale e ingenua, di unione con Dio.

Continua a leggere su Riforma.it