Migranti per un giorno a Pinerolo
Radio Beckwith evangelica

Fuggire da un paese in guerra, dove la miseria è la condizione costante per gran parte della popolazione. Affrontare le insidie di un lungo viaggio, per approdare in un’ Europa che non mette fine ai problemi di chi sta fuggendo: una lingua nuova, una cultura sconosciuta, una burocrazia labirintica e la necessità di approdare a un posto sicuro. Tutto questo lo potranno vivere a Pinerolo, sabato e domenica, i 36 iscritti a Giovani in Movimento, il progetto di Croce Rossa Italiana che sta facendo il giro d’Europa e in questo fine settimana arriva sul nostro territorio «Si tratta di un gioco di ruolo – spiega il game-leader Giovanni Ribon – riservato ai ragazzi tra i 18 e i 30 anni in cui i partecipanti sono chiamati a risolvere una serie di problemi legati al viaggio e all’arrivo in un paese sconosciuto» Pur trattandosi di un gioco, l’intento non è di tipo ludico ma educativo. Attraverso metodi riconosciuti dalla pedagogia, i partecipanti sono chiamati a immedesimarsi il più possibile con le situazioni create ad hoc e a comprendere i problemi che i migranti, quelli veri, si trovano ad affrontare quando intraprendono un percorso di questo genere.

Il progetto nasce negli anni Novanta in Danimarca, dove un professore, accorgendosi di episodi di intolleranza tra i propri studenti, studiò questa formula basata sul metodo learning by doing per cercare di toccare l’emotività di questi giovani. In questa iniziativa coinvolse la Croce Rossa che sposò in toto l’idea e contribuì a diffonderla in tutta Europa. «Il risultato di questa esperienza è molto soggettivo – racconta Ribon – essendo legato alla sfera emotiva del partecipante. Non si tratta di un gioco con un traguardo tangibile, ma la vittoria è costituita dal maggior grado possibile di empatia con la situazione simulata».

I posti disponibili, che nella formula proposta sono 36, sono esauriti da diversi giorni per la data pinerolese, dato che testimonia come la sensibilità ai problemi dei migranti sia forte e presente almeno in una parte della popolazione. Al momento non sono in calendario altri appuntamenti, ma seguendo i canali di comunicazione di Croce Rossa Italiana gli interessati potranno tenersi aggiornati e approfittare della prossima occasione che, certamente, non mancherà.

Continua a leggere su Riforma.it