S04E07 – Notizie dal Golfo. Come siamo arrivati a questo punto tra Iran e Stati Uniti?
Radio Beckwith evangelica

L’amministrazione statunitense, guidata da Donald Trump, sta pensando di inserire il gruppo yemenita degli Houthi nella lista delle formazioni terroristiche. L’idea non è nuova: già nel 2016 era stata avanzata quest’ipotesi, ma non era mai stata portata avanti perché si sperava di riuscire ad aprire una trattativa diplomatica. Se si andasse in questa direzione, non ci sarebbe più spazio per una soluzione pacifica.

In un comunicato video, l’inviato delle Nazioni Unite per la Libia, Ghassan Salamé, ha affermato che la Libia deve cominciare un processo di pacificazione e un percorso politico che possa portare alle elezioni nella primavera del 2019.
Intanto, il 12 e 13 novembre si tiene a Palermo la Conferenza sulla Libia voluta e organizzata dal governo italiano, una conferenza che vedrà il presidente al-Sarraj allo stesso tavolo del rappresentante della Cirenaica, il generale Haftar. Ma l’assenza di Francia e Germania potrebbe trasformare questa conferenza in un fallimento.

Intanto, per tornare allo Yemen, l’emittente emiratina SkyNews Arabia accusa gli Houthi di aver trasformato in luoghi di stoccaggio di armi dei magazzini di generi alimentari. Qual è il rischio? Che ora la coalizione a guida saudita possa decidere di bombardare questi magazzini, che sono però essenziali in un Paese in cui 11 milioni di persone rischiano di morire per denutrizione. Intanto a Hodeida prosegue l’offensiva.

Nella seconda parte apriamo una pagina di storia: come sono cambiati dal 1979 a oggi i rapporti tra Iran e Stati Uniti? Come siamo arrivati alle sanzioni entrate in vigore lunedì 5 novembre, a pochi mesi dall’uscita unilaterale degli Stati Uniti dall’accordo JCPOA sul nucleare iraniano?

Playlist