Prima che gridino le pietre
Radio Beckwith evangelica

Dall’ultimo libro di padre Alex ZanotelliPrima che gridino le pietre, emerge un ben distinto sentimento di fondo: la rabbia. Fin dal titolo la rabbia accompagna lo stupore dell’autore di fronte al razzismo e la crescente dialettica di intolleranza. Elementi che sembrano essere in costante crescita negli ultimi anni, sicuramente in Italia, ma anche in Europa e in altre parti del mondo, con la nascita di nuovi totalitarismi, la crescita di nuovi muri e le stesse politiche di respingimento.

Alex Zanotelli è un missionario comboniano, ha passato molti anni in Africa, in Sudan e in Kenya, a fianco delle fasce più deboli della popolazione, spesso criticato dagli stessi governi per le azioni di sostegno ai poveri e denuncia delle iniquità sociali. Ha diretto la rivista Nigrizia, che ha trasformato da mensile di informazione religiosa a giornale di informazione socio politica sulla situazione africana. Negli ultimi anni si è stabilito a Napoli, per lavorare nel quartiere Sanità.

Questo ultimo libro è nato da una serie di dialoghi e riflessioni con Valentina Furlanetto, giornalista di Radio 24 – Il Sole 24 ore che si occupa prevalentemente di immigrazione, economia e temi sociali e che ha curato il volume.

Furlanetto racconta: «È un libro che nasce dall’esigenza di Zanotelli di dire qualcosa, parlare prima che i sassi parlino. È necessario rompere il silenzio. Il sottotitolo è Manifesto contro il nuovo razzismo: vogliamo ricordare ai lettori e agli italiani che gli episodi di razzismo di cui parliamo sono tantissimi. Purtroppo abbiamo registrato in questi ultimi mesi un cambiamento nell’opinione pubblica, di grande diffidenza nei confronti degli immigrati, cavalcato dalle forze politiche. Zanotelli si spinge a dire che l’Italia è razzista; quando si trattava di chiedere soldi agli italiani per le missioni in Africa non lo erano, ma quando si sono trovati i migranti sotto casa è emerso qualcosa di diverso. Un sentimento che lui dice essere ancestrale nell’uomo, di superiorità dell’uomo bianco nei confronti dell’uomo nero. Io con lui ho cercato di stimolare la discussione su questo anche dal un punto di vista del ruolo della chiesa, che negli ultimi secoli è sempre stata presente in Africa con le missioni. Ma per Zanotelli la chiesa oggi dovrebbe spostarsi in Europa perché è li che sono spariti quei valori che di solito è fiera di sbandierare: innanzitutto il rispetto per gli altri e l’accoglienza. Si chiede se non sia il caso di mettere in atto in Europa, come resistenza, il movimento, presente anche in America, del Sanctuary Movement che ha trasformato le chiese in rifugi protetti. Si fanno molti parallelismi tra il periodo pre fascismo-nazismo in Europa e il periodo attuale, ma si cerca anche di leggere la scontentezza fra il ceto medio della popolazione italiana. Questo sempre più diffuso attacco verso le élite e i portatori della cultura, che siano professori, scienziati, medici o preti è oggetto di un mea culpa di Zanotelli che si chiede se bisogna accogliere queste critiche. Alcuni scandali sicuramente hanno incrinato la credibilità della chiesa; allo stesso tempo i politici non hanno fatto nulla e anche le élite si sono distaccate dalle necessità della gente. È un’analisi a tutto tondo sul periodo attuale a cui però non manca la ricerca di soluzioni».

Continua a leggere su Riforma.it