Un nuovo stop per Open Arms
Radio Beckwith evangelica

Oltre 17.000 persone sono morte nelle acque del Mediterraneo tra il 2014 e il 2018 e tra queste poco meno di 15.000 solo lungo la rotta del Mediterraneo centrale, che collega, o separa, Nord Africa e Italia. Lunedì 14 gennaio, nel giorno in cui l’Organizzazione internazionale per le migrazioni pubblica questo nuovo bilancio delle morti di persone migranti, dalla Spagna arriva un nuovo ostacolo alle operazioni di salvataggio nel Mar Mediterraneo.

La direzione generale della Marina mercantile spagnola, che corrisponde alla nostra Capitaneria di porto, ha deciso di impedire alla nave Open Arms, gestita dall’ong catalana Proactiva Open Arms, di salpare dal porto di Barcellona in direzione delle acque internazionali di fronte alla Libia, dove svolge operazioni di ricerca e soccorso, una decisione comunicata via Twitter dal fondatore di Proactiva Open Arms, Oscar Camps.

La decisione, racconta il capomissione della ong, Riccardo Gatti, è stata «motivata in modo un po’ strano: noi infrangiamo le normative internazionali che prevedono che le persone salvate in mare debbano essere lasciate il prima possibile nel porto sicuro». Ma la responsabilità di questa violazione, spiega il documento della Marina mercantile, non va cercata in problemi tecnici della nave o in documenti non in regola, ma nel mancato rispetto del diritto internazionale da parte di Italia e Malta, che da mesi stanno negando l’accesso ai loro porti alle navi delle ong. «essendo loro – chiarisce Gatti – gli Stati più vicini alla zona di ricerca e soccorso, dovrebbero permettere secondo normativa che le persone siano sbarcate il più velocemente possibile. La negazione dell’autorizzazione non implica noi come responsabili di queste violazioni, ma vengono indicati come responsabili appunto Malta e Italia, anche se poi viene bloccata la nave perché ci dicono che non ci sono le condizioni, e che siccome non possiamo aspettarci che Italia e Malta si comportino in modo diverso, allora non possiamo partire».

Continua a leggere su Riforma.it