Incontri per genitori: uso, abuso o dipendenze?
Radio Beckwith evangelica

Il Servizio Adulti e Territorio del Coordinamento Opere Valli – Diaconia Valdese, propone tre incontri per approfondire il tema delle dipendenze, pensati per genitori.

Spiega Sarah Piras, educatrice professionale, che seguirà gli incontri insieme ad Alessandra Mattiola, counselor e psicologa: «L’idea di avvicinarci ai genitori deriva dall’analisi della nostra società attuale, che sta vivendo grandi e repentini cambiamenti. Siamo sempre stati abituati ad individuare il malessere di un giovane in comportamenti molto palesi e rivolti verso l’esterno: esplosioni di rabbia e bravate, per esempio. Ora, invece, la tendenza è rivolta all’opposto: c’è il pericolo di implosione, più che dell’esplosione. Quindi, anche per i genitori, riconoscere il malessere dei loro figli è molto più difficile».

Parlare di dipendenze al plurale è d’obbligo. Non ci sono solo alcool, tabacco o droghe, come conferma Sarah Piras: «Siamo abituati a pensare alle dipendenze come sostanze. In realtà, invece, possiamo essere dipendenti anche da comportamenti come il gioco d’azzardo, lo shopping compulsivo, il lavoro. Anche la fascia d’età coinvolta si allarga sempre di più. Se pensiamo ad esempio all’utilizzo di smartphone, social o videogiochi, è già coinvolta la fascia d’età delle elementari».

Il percorso si sviluppa in tre momenti, in cui vengono analizzati vari aspetti delle dipendenze.

Si parte venerdì 18 gennaio con Uso, abuso o dipendenza?, tre parole che sembrano essere sinonimi ma che hanno rappresentazioni differenti tra nuove e vecchie generazioni.

A seguire, venerdì 1 febbraio, l’appuntamento con Quali dipendenze?. Internet, gioco d’azzardo e dipendenze affettive sono alcune delle nuove tipologie di dipendenze che dobbiamo conoscere.

Il ciclo di incontri si chiude venerdì 22 febbraio con l’appuntamento Siamo sicuri che?, dedicato al la relazione tra genitori e figli: come riconoscere se sta succedendo qualcosa? Come gestire la situazione senza ansia? Come parlarne?

Continua a leggere su Riforma.it