Cross di Luserna: un gradito ritorno
Radio Beckwith evangelica

Si è conclusa con successo la prima (ri)edizione del Cross di Luserna. In una giornata soleggiata, seppur molto fredda, quasi trecento atleti si sono dati appuntamento per una gara un tempo assai prestigiosa. Nata nel 1975, questa competizione ha vissuto il suo apice intorno alla metà degli anni ottanta, quando a percorrere i prati di Luserna furono atleti del livello di Francesco Panetta. Poi il lento declino, fino al 2003, anno dell’ultima edizione. A distanza di sedici anni Reanto Aglì, ex corridore rimasto nel giro come manager, ha provato a rinverdire i fasti di un evento sportivo che fu di primo livello nel panorama nazionale della corsa campestre, in collaborazione con l’Atletica Val Pellice. E si direbbe proprio che ci sia riuscito «Tutto è andato per il meglio – racconta soddisfatto Aglì – Tanti iscritti, un pubblico che raramente ho visto a una gara di atletica in Val Pellice in questi anni, una giornata bellissima anche se fredda e un livello tecnico importante». Insomma, tutti gli ingredienti per una giornata di sport ben riuscita che, si spera, possa tornare a essere un appuntamento fisso nel calendario agonistico.

La giornata si è aperta con la competizione riservata alle categorie Master e Allievi, che poi hanno lasciato il campo alle gare clou della giornata con juniores, promesse e senior femminili prima (sulla distanza di 6 km) e maschile dopo (8 km). Per quel che riguarda i risultati non ci sono state sorprese e i pronostici di inizio gara sono stati rispettati: nel maschile ha trionfato Ahmed El Mazoury che ha chiuso in 25’07’’ davanti ai gemelli Martin e Bernard Dematteis, rispettivamente secondo e terzo con i tempi di 25’30’’ e 25’40’’. L’atleta marocchino ha corso la prima fase con il gruppetto di testa per poi allungare nella fase centrale e concludere quasi in scioltezza fino al traguardo aggiudicandosi il primo posto. Anche nel femminile a trionfare è stata la favoritissima Elena Romagnolo, due volte finalista olimpica, che ha percorso i 6 km in 21’23”, precedendo Elisa Stefani e Catherine Bertone, seconda e terza con 22’07” e 23’17”.

Continua a leggere su Riforma.it