Lampedusa, attesa dopo lo sbarco
Radio Beckwith evangelica

Un momento di sollievo prima di giorni di incertezza. Per la nave Mare Jonio, per il suo equipaggio e per le 49 persone migranti salvate lunedì dall’imbarcazione gestita dall’ong Mediterranea, la giornata di martedì 19 marzo è segnata dai contrasti.

Rimasta ferma a un miglio e mezzo dalla costa per diverse ore, l’imbarcazione era stata poi scortata nel porto di Lampedusa dalla Guardia di Finanza ed è stata sequestrata dietro disposizione della Procura di Agrigento, che nel pomeriggio ha autorizzato lo sbarco dei naufraghi.

Per loro quella appena trascorsa è stata la prima notte a Lampedusa, dove alcuni hanno raccontato di essere stati recuperati e rispediti per cinque volte in Libia nei precedenti tentativi di attraversare il Canale di Sicilia. L’accoglienza a Lampedusa è stata caratterizzata da qualche applauso della gente accorsa nel molo dell’isola, mentre il comandante della Mare Jonio, Pietro Marrone, è stato convocato d’urgenza dalla Guardia di finanza di Lampedusa, che ha provveduto al sequestro del mezzo per permettere alla Procura di procedere con l’inchiesta aperta per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Alberto Mallardo, di Mediterranean Hope, il progetto di osservatorio e accoglienza della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia, ha seguito da terra, da Lampedusa, l’evoluzione della vicenda della nave Mare Jonio, e racconta che «le 49 persone salvate sono accolte nell’hotspot di Lampedusa e da qui verranno poi trasferite in Sicilia in uno dei centri di seconda accoglienza sparsi per la Sicilia e l’intera penisola italiana». «Ieri sera – prosegue Mallardo – eravamo in tanti ad accoglierli, una parte di noi era autorizzata ad essere all’interno del perimetro del porto e a fornire la prima assistenza. C’erano anche tante persone che non avevano questa autorizzazione e che attendevano fuori e hanno applaudito, incitato e dato il benvenuto a chi arrivava».

Le ore successive allo sbarco hanno portato con sé un copione che va ancora interpretato, quello del sequestro della nave e dell’impossibilità, anche per l’equipaggio, di tornare a bordo. «Verso mezzanotte – ricorda Mallardo – eravamo in procinto di chiudere la giornata, quando siamo stati contattati dall’equipaggio di Mediterranea che purtroppo ci avvisava che stavano partendo le procedure per il sequestro, quindi l’equipaggio non essenziale per l’imbarcazione non è stato riautorizzato a salire a bordo. Mediterranean Hope è stato un po’ un luogo di incontro per le varie realtà che approdano qua sull’isola e abbiamo ospitato 8 ragazzi nei nostri spazi».

Continua a leggere su Riforma.it