Scopriminiera. Il fascino della riscoperta
Radio Beckwith evangelica

Sabato 16 marzo l’Ecomuseo delle Miniere ha riaperto le porte per accogliere il pubblico con un ricco programma di visite guidate, attività didattiche e ludiche.

Lasciati alle spalle gli eventi celebrativi del ventennale del 2018, ScopriMiniera punta al futuro con la nuova stagione di apertura al pubblico dell’Ecomuseo delle Miniere. Un calendario che si apre nel segno dei minatori. «Non poteva essere diversamente», ha sottolineato Barbara Pons, coordinatrice tecnico-scientifica di Scopriminiera ai microfoni di Radio Beckwith Evangelica, «perché la vera ricchezza di questo ecomuseo è sicuramente la possibilità essere “memoria” anche recente». In questo senso è da sottolineare la collaborazione con gli ex minatori che accompagneranno i visitatori e le visitatrici alla scoperta di una risorsa che non appartiene solo al passato ma anche al futuro, visto che attualmente sono circa 100 i lavoratori impegnati nell’estrazione e nella lavorazione del talco più pregiato al mondo, il famoso “Bianco delle Alpi”.

Fino al prossimo autunno, gli appassionati e le appassionate di scienza e spedizioni geologiche, con ScopriAlpi, potranno invece vestire i panni di “avventurosi viaggiatori nel tempo”. A bordo del trenino ed a piedi, potranno vivere l’esperienza della ricerca delle tracce ancora visibili di un passato remoto che racconta la nascita delle nostre Alpi Cozie, lo scontro tra i continenti, l’evoluzione nelle ere geologiche, i resti di fondali oceanici e molto altro. Il tutto da vivere nelle profondità delle Alpi.

Continua a leggere su Riforma.it