Hockey prato: SKF Valchisone festeggia la salvezza
Radio Beckwith evangelica

La nave è in porto. Nonostante la sconfitta casalinga di misura (1-2) contro la Bonomi terza in classifica, i ragazzi dell’Skf Valchisone raggiungono l’obiettivo salvezza al loro esordio nella massima serie dell’hockey prato. Complice la contemporanea sconfitta del Tevere Eur, i ragazzi di Paolo Dell’Anno mantengono quattro lunghezze di distanza dal penultimo posto a una giornata dal termine e possono festeggiare un traguardo che vale quanto uno scudetto «Una stagione sicuramente positiva – sottolinea Dell’Anno – Come neopromossi ci siamo comportati molto bene, anche considerando la giovane età del gruppo e le possibilità economiche limitate. Ci siamo giocati ogni partita alla pari e tutti gli avversari hanno riconosciuto il nostro valore».

Una squadra giovane, appunto, che ha però la sua forza nella compattezza di un gruppo cresciuto insieme e che ha ampi margini di crescita «Se rimarremo compatti e manterremo la mentalità giusta ci sarà sicuramente da divertirsi, anche se non nascondo che l’eventuale possibilità di inserire qualche elemento di spessore internazionale ci potrebbe portare ai vertici dell’hockey nazionale rappresentando un valore per tutto il territorio». A testimoniare la bontà del lavoro svolto in tutti questi anni sono arrivate le convocazioni di quattro giocatori (Sandy Grosso, Edoardo Dell’Anno, Alberto Ughetto e Simone Minetto) per un maxi raduno delle nazionali maggiore e under 21 a Roma. Ma i traguardi per la società villarese non si fermano certo qui.

Già in questo fine settimana la squadra femminile tenterà di ripetere l’impresa compiuta lo scorso anno dai colleghi della maschile affrontando la final four di serie A2 «Un obiettivo oggettivamente molto difficile – ammette Dell’Anno – data la forza e la struttura societaria delle avversarie che si affronterranno, che possono contare su giocatrici straniere in grado di fare la differenza. Sarà comunque un’esperienza preziosa per le nostre ragazze che ce la metteranno tutta per fare bella figura».

Continua a leggere su Riforma.it