Diari al tempo del virusPagina 5 di 7

L'allerta coronavirus dalla dimensione globale alla situazione in Piemonte
16 Marzo 2020

Allerta massima dopo il primo contagio

Il sindaco di Luserna Duilio Canale ci racconta gli ultimi aggiornamenti dal comune della Val Pellice, dove nei giorni scorsi si sono verificati i primi due casi di contagio. Uno dei due si è rivelato però un falso positivo.

Ascolta in Tutto Qui

16 Marzo 2020
Café Bleu - live Musei Reali Torino

Dai Fumetti nei Musei in lettura gratuita online al mandala dei Musei Reali di Torino, passando dalle tradizioni della Valle Grana. In più tanta musica per te!

Lunedì 16 marzo il bistrot radiofonico di Café Bleu ha proposto questo menù, sulle frequenze di RBE:
.i cataloghi online delle biblioteche offrono migliaia di libri in formato elettronico, sono tante le storie gratuitamente a disposizione del pubblico. Come fare per poterne usufruire? Ve lo spieghiamo a Café Bleu!
.La pagina Facebook “Café Bleu – Radio RBE” offre tante registrazioni di video live. Sono a disposizione show case musicali ma anche dirette in luoghi molto suggestivi come la Biblioteca Reale di Torino.
.A proposito di buone letture, Fumetti nei Musei offre 6 albi a rotazione grazie alla collaborazione con la casa editrice Coconino Press. Come fare per poterli leggere? Ve lo raccontiamo a Café Bleu!
.Tra le tante iniziative online delle strutture museali di tutto il mondo, abbiamo scelto di raccontarvi quella dei Musei Reali di Torino che tra le tante cose offrono rilassanti mandala da colorare realizzati con alcuni particolari presenti in questa eccellenza culturale italiana. A Café Bleu vi spieghiamo come poter vivere l’esperienza di una visita virtuale!
.Saperi & Sapori di Valle è il progetto che racconta la storia e le esperienze gastronomiche proposte dall’Ecomuseo Terra del Castelmagno in Valle Grana (Cuneo). In questa puntata di Café Bleu vi presentiamo la storia di due particolari qualità di patata a rischio scomparsa recuperate da un gruppo di entusiasti agricoltori, un racconto ben evidenziato dal video documentario di Andrea Fantino.
.Condividi la Bellezza con Café Bleu: invia le tue foto, i tuoi brevi video, i pensieri scritti al nostro bistrot radiofonico: via SMS e Whatsapp 3396300192 oppure tramite Facebook e Instagram Café Bleu – Radio RBE.

Ascolta il podcast!

16 Marzo 2020

Sono già diverse settimane che le scuole, le università e tutti i luoghi di studio sono chiusi in Piemonte. Tra questi, ci sono anche i Conservatori di musica, che allo stesso modo di altri corsi di studio prevedono percorsi di studio specifico, esami e scadenze. Perciò, come proseguire le lezioni?

Il Conservatorio di Cuneo, come altri, si è attivato per poter insegnare a distanza: insegnanti e studenti possono insegnare e imparare tramite collegamento video, per non perdere la tecnica e l’abitudine nonostante le limitazioni al movimento.

Abbiamo intervistato il direttore del Conservatorio di Cuneo Alberto Borello

16 Marzo 2020

Le imprese culturali impegnate in riflessioni e iniziative

In questo momento di isolamento e difficoltà il mondo culturale si interroga sul proprio ruolo e il proprio futuro. Christian Greco, direttore del Museo Egizio di Torino, ci parla dell’importanza della cultura e ci illustra le iniziative del museo per continuare la sua attività al di fuori delle sue mura

Ascolta in Tutto Qui

16 Marzo 2020

Molte località soffrono la mancanza di infrastrutture e servizi

Ai nostri microfoni il presidente di UNCEM Marco Bussone sottolinea come l’attuale situazione metta in luce in modo ancora più urgente la necessità di investire sui territori montani che, proprio in questi giorni, soffrono più di altri la situazione di isolamento

Ascolta in Tutto Qui

16 Marzo 2020

Due mesi fa, l’epicentro dell’epidemia di coronavirus era la città di Wuhan, nella provincia dello Hubei. Ma oggi tutto è cambiato, e il Paese più in crisi è senza dubbio l’Italia. Il timore piuttosto fondato è ovviamente che sia soltanto il primo di una serie di Paesi occidentali a seguire la stessa curva.

Oggi tutta la narrazione si è invertita, e la Cina viene in diversi casi vista come l’esempio di un contenimento di successo, al punto che molti giornali italiani parlano di “modello Wuhan”.

Per capire quanto sia cambiata la musica, venerdì mattina abbiamo visto un aereo arrivare in Italia dalla Cina con a bordo un team di 9 specialisti, che saranno chiamati a lavorare con i colleghi italiani, e 30 tonnellate di materiale sanitario. Una prova di forza cinese verso l’esterno che fa eco alla propaganda interna.

Nella prima parte andiamo però a vedere cosa succede in Asia, in alcuni Paesi confinanti con la Cina. La settimana scorsa ricorderete che siamo stati in Corea del Sud per raccontarvi del culto Shincheonji e delle sue responsabilità nella diffusione del virus soprattutto nella città di Daegu, oggi invece andiamo in Thailandia, in Mongolia e poi a Singapore, tre storie molto differenti di come il coronavirus impatta il mondo.

Anche oggi, tutta la musica arriva direttamente da Wuhan, la “fornace” del punk cinese.

Playlist

  • Subs – Tomorrow Knows the Answers
  • Chinese Football – The Box
13 Marzo 2020

Mediterranean Hope, programma migranti e rifugiati della Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia. lancia un appello al governo italiano.

La richiesta è sostenuta anche dalle associazioni Medici per i diritti umani (MEDU), Sanità di Frontiera e Csc Nuvola Rossa e Co.S.Mi. comitato solidarietà migranti. Sono enti che forniscono assistenza sanitaria, legale e sociale in particolare a chi vive negli insediamenti informali della piana di Gioia Tauro in Calabria

La richiesta è quella di smontare i ghetti e gli accampamenti della piana di Gioia Tauro e non solo, per mettere al sicuro le persone che ci vivono contro la diffusione del coronavirus.

Trovate l’articolo su Riforma.it.

Se ne parla in questi due articoli sull’agenzia stampa Nev.it: Piana di Gioia Tauro, MH e le associazioni e I braccianti possano vivere in luoghi salubri.

Intervista di Giacomo Rosso a Francesco Piobbichi, operatore MH.

Ascolta l’intervista

13 Marzo 2020

Con l’intervista all’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Icardi

Abbiamo registrato l’intervista con l’assessore alla Sanità del Piemonte mercoledì 11 marzo in cui ci ha fatto il punto della situazione su un po’ di argomenti collegati all’emergenza legata all’epidemia di Covid19 nella nostra regione.

Sono, invece, 14 i nuovi decessi in Piemonte venerdì 13 marzo di persone positive al test del “coronavirus covid19”, rilevati tra la notte del 12 e la mattina del 13 dall’Unità di crisi regionale piemontese.

Complessivamente, dall’inizio dell’emergenza sono morte 43 personeper complicanze legate anche a Covid-19. Il 70% sono uomini e il 30% donne e l’età media è di 80 anni.

Il totale dei decessi vede interessate le provincie piemontesi in questo modo: 17 ad Alessandria, 10 a Torino, 4 a Biella, 4 a Novara, 3 a Vercelli, 2 ad Asti, 2 a Cuneo, 1 nel Vco. Attualmente sono 130 i pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Si avvicina, quindi, il limite di 200 posti di terapia intensiva che il Piemonte ha, al momento, dopo l’incremento voluto dall’assessore che li ha portati da 100 a 200 come ci spiega e racconta nell’intervista.

12 Marzo 2020

L’idea del produttore Luca Balbiano invita a condividere l’amore per il vino rispettando le restrizioni per l’emergenza sanitaria che l’Italia sta affrontando a causa del Coronavirus

Lo scorso martedì 10 marzo è partita #Stappatincasa, campagna online pensata dal produttore torinese Luca Balbiano per condividere sui social media la passione intorno al mondo del vino. L’idea è quella di continuare a raccontare il patrimonio di esperienza che ogni bottiglia di vino ci offre, anche in tempi di restrizioni come quelli che stiamo vivendo a causa del Coronavirus.

Luca Balbiano (foto tratta dal suo account Facebook)


Luca ne ha parlato nel nostro bistrot radiofonico. “Quello che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti, giorni storici che ricorderemo. Abbiamo il dovere di restare a casa ma anche di mantenere vive le nostre passioni. Per questo motivo è nata l’idea di #Stappatincasa.
Come funziona #Stappatincasa?
Luca Balbiano lo ha raccontato ai microfoni di Café Bleu.

Ascolta il podcast!

12 Marzo 2020

Un invito alla responsabilità, in questi giorni di emergenza per la diffusione del Covid-19, arriva dal CAI, il Club Alpino Italiano, che si è rivolto agli amanti della montagna perché restino a casa.

Il Club Alpino Italiano ha lanciato un vero e proprio un appello ai propri Soci e a tutti gli amanti delle Terre alte, chiedendo di rispettare la prescrizione governativa a non uscire di casa se non per comprovate necessità:

 il che equivale a rinunciare, per qualche tempo, e nell’interesse generale, alla frequentazione di sentieri, rifugi, vie alpinistiche e pareti.


Un appello importante che risponde alle domande e ai dubbi che possono essere sorti ad alcuni in questi giorni, magari accompagnati dal desiderio di muoversi verso luoghi isolati. Il CAI invita a non farlo e tra le motivazioni importanti c’è anche quella di non mettere involontariamente in pericolo tutte quelle persone che in montagna lavorano per garantire, tra le altre cose, la sicurezza degli escursionisti.

Gli appassionati di montagna già sanno che, talvolta, è necessario saper rinunciare ad una vetta per non mettere a repentaglio la sicurezza propria, dei compagni e degli eventuali soccorritori in caso di incidente. Tutto questo è senso di responsabilità.

L’intervista al Presidente Generale del CAI, Vincenzo Torti