Diari al tempo del virus

L'allerta coronavirus dalla dimensione globale alla situazione in Piemonte
13 Marzo 2020

Con l’intervista all’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Icardi

Abbiamo registrato l’intervista con l’assessore alla Sanità del Piemonte mercoledì 11 marzo in cui ci ha fatto il punto della situazione su un po’ di argomenti collegati all’emergenza legata all’epidemia di Covid19 nella nostra regione.

Sono, invece, 14 i nuovi decessi in Piemonte venerdì 13 marzo di persone positive al test del “coronavirus covid19”, rilevati tra la notte del 12 e la mattina del 13 dall’Unità di crisi regionale piemontese.

Complessivamente, dall’inizio dell’emergenza sono morte 43 personeper complicanze legate anche a Covid-19. Il 70% sono uomini e il 30% donne e l’età media è di 80 anni.

Il totale dei decessi vede interessate le provincie piemontesi in questo modo: 17 ad Alessandria, 10 a Torino, 4 a Biella, 4 a Novara, 3 a Vercelli, 2 ad Asti, 2 a Cuneo, 1 nel Vco. Attualmente sono 130 i pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Si avvicina, quindi, il limite di 200 posti di terapia intensiva che il Piemonte ha, al momento, dopo l’incremento voluto dall’assessore che li ha portati da 100 a 200 come ci spiega e racconta nell’intervista.

12 Marzo 2020

L’idea del produttore Luca Balbiano invita a condividere l’amore per il vino rispettando le restrizioni per l’emergenza sanitaria che l’Italia sta affrontando a causa del Coronavirus

Lo scorso martedì 10 marzo è partita #Stappatincasa, campagna online pensata dal produttore torinese Luca Balbiano per condividere sui social media la passione intorno al mondo del vino. L’idea è quella di continuare a raccontare il patrimonio di esperienza che ogni bottiglia di vino ci offre, anche in tempi di restrizioni come quelli che stiamo vivendo a causa del Coronavirus.

Luca Balbiano (foto tratta dal suo account Facebook)


Luca ne ha parlato nel nostro bistrot radiofonico. “Quello che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti, giorni storici che ricorderemo. Abbiamo il dovere di restare a casa ma anche di mantenere vive le nostre passioni. Per questo motivo è nata l’idea di #Stappatincasa.
Come funziona #Stappatincasa?
Luca Balbiano lo ha raccontato ai microfoni di Café Bleu.

Ascolta il podcast!

12 Marzo 2020

Un invito alla responsabilità, in questi giorni di emergenza per la diffusione del Covid-19, arriva dal CAI, il Club Alpino Italiano, che si è rivolto agli amanti della montagna perché restino a casa.

Il Club Alpino Italiano ha lanciato un vero e proprio un appello ai propri Soci e a tutti gli amanti delle Terre alte, chiedendo di rispettare la prescrizione governativa a non uscire di casa se non per comprovate necessità:

 il che equivale a rinunciare, per qualche tempo, e nell’interesse generale, alla frequentazione di sentieri, rifugi, vie alpinistiche e pareti.


Un appello importante che risponde alle domande e ai dubbi che possono essere sorti ad alcuni in questi giorni, magari accompagnati dal desiderio di muoversi verso luoghi isolati. Il CAI invita a non farlo e tra le motivazioni importanti c’è anche quella di non mettere involontariamente in pericolo tutte quelle persone che in montagna lavorano per garantire, tra le altre cose, la sicurezza degli escursionisti.

Gli appassionati di montagna già sanno che, talvolta, è necessario saper rinunciare ad una vetta per non mettere a repentaglio la sicurezza propria, dei compagni e degli eventuali soccorritori in caso di incidente. Tutto questo è senso di responsabilità.

L’intervista al Presidente Generale del CAI, Vincenzo Torti

11 Marzo 2020

In Piemonte proteste soprattutto nelle carceri di Torino e Alessandria

La situazione di emergenza legata alla diffusione del Corona Virus ha portato a provvedimenti anche nelle carceri, dove sono state vietate le visite ai detenuti. Questa misura ha provocato violente reazioni nei penitenziari di tutta Italia. Abbiamo analizzato la situazione con il Garante dei diritti dei detenuti della Regione Piemonte Bruno Mellano.

Ascolta in Tutto Qui

8 Marzo 2020

La Corea del Sud è il secondo paese per numero di persone positive al coronavirus (SARS-CoV-2). Ma i casi sono cresciuti in modo improvviso e in qualche modo sorprendente. Fino alla seconda metà di febbraio erano poche decine, poi nell’ultimo fine settimana del mese sono triplicati.

Si pensa che più della metà dei casi sia legata alla congregazione Shincheonji di Gesù, un culto cristiano, fortemente legato al suo leader, con almeno 200mila seguaci.

È un culto di cui praticamente non si sapeva nulla fuori dalla Corea fino a poche settimane fa, ma oggi lo andremo a conoscere meglio insieme a Peter Daley, cittadino australiano che vive in Corea del Sud dal 2003 e che si interessa di culti religiosi ed estremismo.

6 Marzo 2020

Una serie di indicazioni utili per gestire mentalmente la situazione di queste settimane

L’emergenza legata al Corona Virus ha creato in queste settimane un clima a dir poco surreale: il timore che la diffusione si trasformi in pandemia e le misure che ne sono seguite hanno creato nella cittadinanza un senso di smarrimento e paura che, insieme alle difficoltà incontrate dal sistema produttivo, rischia di diventare il principale effetto secondario di questa situazione inedita o quasi. A questo scopo l’AslTo3 si è attivata per affrontare l’emergenza Covid-19 dal punto di vista psicologico, attraverso il suo Team di Psicologia delle emergenze. Ne abbiamo parlato con la dottoressa Paola Chiadò Piat, coordinatrice del team.

Ascolta in Tutto Qui

4 Marzo 2020

Rette degli asili nido ridotte ad Asti per alleviare il disagio delle famiglie che fruiscono dei servizi educativi dei sei nidi d’infanzia comunali.
Lo ha disposto la giunta comunale su proposta del sindaco Maurizio Rasero.

Le famiglie non pagheranno le settimane dal 24 al 28 febbraio e dal 2 al 6 marzo nelle quali i servizi scolastici sono stati chiusi per contenere gli effetti del Coronavirus.

Intervista a Maurizio Rasero.

1 Marzo 2020

Quando un giornalista diventa la notizia c’è qualcosa che non funziona. E così, nel mezzo di un’epidemia partita da Wuhan e oggi in diffusione anche in Italia, Gabriele Battaglia si trova a immaginare il cielo sopra Pechino attraverso il soffitto di casa.

Ma questa non l’unica storia di questa puntata: come procedono le ricerche della specie da cui è avvenuto il salto verso l’uomo? E perché, a 17 anni dall’epidemia di SARS, non abbiamo ancora un vaccino?

Playlist

  • Deepain – Wake up
  • SMZB – Flower of the Socialism
29 Febbraio 2020

Le attuali restrizioni ministeriali hanno imposto lo stop alle attività nel mondo dello spettacolo e della cultura.

Giù il sipario sui teatri in Piemonte a causa del Coronavirus. Le attuali norme ministeriali restrittive emanate per tutelare la salute pubblica hanno portato a un blocco dell’attività nel mondo dello spettacolo e della cultura.
A Café Bleu ne abbiamo parlato con due responsabili di altrettanti realtà teatrali locali.
Luigi Orfeo, una delle anime promotrici di Casa Fools, attiva realtà culturale del quartiere Vanchiglia, ha spiegato il suo punto di vista ai nostri microfoni.

Ascolta il podcast

Purtroppo Biancaneve va in quarantena. Niente teatro per i bambini e le bambine, domenica prossima 1 marzo ad Avigliana, per il cartellone di Scene. Gli organizzatori di Borgate dal vivo non si arrendono, sicuramente riprenderanno a proporre gli spettacoli previsti appena possibile. Ma nel frattempo che si fa?

Alberto Milesi (direttore artistico di Borgate dal Vivo)

24 Febbraio 2020

Attenzione e monitoraggio costanti, fermo a 3 il numero dei contagiati

Gli aggiornamenti di oggi pomeriggio – 24 febbraio – sulla gestione d’emergenza legata alla diffusione del Coronavirus da parte delle strutture sanitarie dell’AslTo3.

Le interviste realizzate a Flavio Boraso, direttore di AslTo3, ed Enrico Procopio, direttore del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica di AslTo3.

Ascolta le interviste