Lî Timangle

Ascolta la nuova serie della trasmissione in onda su Rbe! Il venerdì alle 15,30 e al sabato, in replica, alle 10,1o!

Lî Timangle, la trasmissione fatta dai vecchi che pensano, e parlano, come dei giovani!

Il timangle, nel patouà della val Germanasca, è un piccolo cuneo in ferro provvisto di un anello passante nel lato non appuntito: si infigge all’estremità dei tronchi per trascinarli, tramite una fune legata all’anello. Ma un timangle è anche una persona testarda, forse di vedute un po’ ristrette, ma molto tenace.

2012

L’avventura, iniziata quasi per gioco, di una trasmissione radiofonica ha fatto scoprire al gruppo che anche nelle valli valdesi c’erano molte persone contente di ascoltare la radio in patouà, e magari anche di prendere la parola.  Così i ragazzi che si fingevano vecchi per poter parlare dell’oggi hanno gettato la maschera, e hanno rivolto i microfoni ad alcune persone per cui l’occitano è qualcosa di più di un codice di comunicazione: è pezzo di identità, è strumento per l’espressione di significati altri, è stimolo alla comprensione della differenza.

Nel 2012 escono due nuove serie di puntate, in cui prendono la parola, accanto ai più noti musicisti (Lou Dalfin, Bogia Nen, Castanha e Vinovèl, Lou Seriol, la Péiro Douso) persone di cultura o di lavoro in montagna, che raccontano ciascuno il suo pezzetto di vita nelle valli occitane.

Per continuare a divertirsi, i Timangle hanno creato due nuove rubriche: quella di Liccou il Turista, che dispensa improbabili consigli allo sventurato turista inglese di passaggio in val Germanasca, e verso le minoranze e oltre, in cui vengono raccolte voci che raccolgono molto lingue, alcune più tutelate (è il caso delle lingue nazionali o, in misura minore, delle lingue minoritarie) e altre meno (è il caso dei dialetti del resto d’Italia, o delle lingue di recente immigrazione).

2011

I nostri Timangle sono una gruppo di ragazzi e ragazze che un bel giorno, nei sotterranei della Scuola Latina di  Pomaretto, ha pensato di mettere in piedi una trasmissione in occitano.

Hanno voluto farlo per dimostrare che i loro patouà sono lingue vive, che si contaminano sì con idiomi di maggior prestigio, ma che mantengono la loro forza espressiva, e la loro capacità di comunicare qualsiasi contenuto!

E così è nata una serie di 4 puntate, in cui i giovani si sono finti vecchi, e in un immaginario 2060 hanno risposto alle classiche domande cui devono rispondere gli anziani: com’erano i vostri paesi, quando eravate giovani? Che lingua parlavate, quali erano i vostri giochi e i vostri passatempi, com’erano i ragazzi di allora?

Le risposte sono sorte spontanee, in un dialetto meticcio e quindi vivo, e hanno raccontato di tamarri e barotti, di Lego e di seggiovie, di scuole e di lingue.

La trasmissione è arricchita da musiche in diversi dialetti, per dar voce alla differenza, perchè, parafrasando i Sud Sound System, se non dimentichi le tue radici, rispetti anche quelle dei paesi lontani.

Incredibilmente, la trasmissione è piaciuta. E alcune componenti del gruppo hanno accompagnato Radio Beckwith all’Estivada di Rodez, dove hanno conosciuto un mondo intero che parlava, cantava, lavorava con l’occitano. Ousitanio Vivo ha pubblicato un articolo sulle iniziative di RBE in sostegno delle lingue minoritarie.

Eicouto la nouvèllo serie dë la trasmisioun quë paso sû Rbe! Tuti lî vënre a tréi e mezzo, erpëtâ lou sande a dê oura dë la matin!

Lî Timangle, la trasmisioun faito dai vélh quë razounën coum lî jouve!

Lou timangle, ënt â patouà dë la val San Martin, l’ê un chit counh ën fère, ooub un anél ënfìiëlà a la
caou: â së planto ënt î bilioun për reudiâ-lî, ooub uno rortio groupâ a l’anél

Ma un nommo dëcò timangle un qu’ê tëstoun, fèrm sû saz idea, forsi un po’ masuc.

Notri Timangle l’ê un grup dë filh e fillha quë, un bèe joùërn, ënt â soutërén dë l’Eicolo Latino dâ
Poumaré, an pënsà dë butâ ënsëmp uno trasmisioun ën ousitan.

Ilh an voulgù ou fâ për moûtrâ quë lour patouà l’ê dë lënga viva quë, bèlle së î së mêclën oou dë
lënga pi counouisùa, î garden lour forso d’espresioun e lour capachità dë coumunicâ tout soc un
pënso!

L’ê parélh qu’ê naisùo uno serìo dë cattre epizodde , dount lî jouve an fait avîs d’èse vélh, e ënt un
imaginari 2060 ilh an reipoundù a lâ quëstioun quë së fan ai vélh: coum èrën-lò votri paì, cant ouz
ère jouve? Quë lëngo ou parlavë, cali jeuc e paso-tëmp ouz avìe, coum erën-lò lî jouve d’ënlouro?

La reipounsa soun vëngùa soulëtta, ënt un patouà mêcle e sansé viou, e nouz an countìa dë tamarri
e barotti, dë Lego e dë sejovìa, d’eicola e dë lënga.

La trasmisioun ê ënrichìo da dë muzicca ën difrënti patouà, për dounâ voûs a lâ difrënsia, përqué,
për ërpëtâ lâ parolla dî Sud Sound System, së tû ëdmëntie pâ dë dount tu véne tu, tu â co dë rëspét
për lâ tradisioun dë qui vén dë leunh

8 giugno 2012

La Péiro Douso

8 giugno 2012

Per questa puntata è venuto a trovarci Davide Gallino Bertetto, saxofonista della Péiro Douso (“il talco”), gruppo di musica tradizionale occitana radicato, fin dal nome, nelle terre della val San […]