#bacheca

“La radio è stato il primo social network” Il sito fuori dal sito. La diretta della radio attraverso la diretta dei social della radio.
Loading...

In evidenza

Il culto del XV Agosto da San Secondo di Pinerolo

Una chiesa che accoglie

Il Consiglio della Federazione delle chiese evangeliche in Italia ha approvato un documento per dire no alla xenofobia.

«Da mesi ascoltiamo parole violente e cariche di rancore nei confronti degli immigrati, che nel cuore dell’estate sono state seguite da gesti xenofobi e razzisti verso italiani con la pelle nera, richiedenti asilo, rom. Come cristiani evangelici riteniamo che il limite della tollerabilità di questo linguaggio e di questi atteggiamenti sia stato ampiamente superato e per questo abbiamo deciso di lanciare il messaggio chiaro e forte che noi non ci stiamo».

Con queste parole il presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) Luca Maria Negro, presenta sul sito dell’agenzia NEV – notizie evangeliche il “Manifesto per l’accoglienza”.

«Ogni forma di razzismo è per noi un’eresia teologica» si legge tra le altre cose nel documento.

La finale di Balon Mundial

Tante facce sorridenti e in festa al Balon Mundial 2018. Perù e Colombia campioni, anche se il vero vincitore è ancora una volta lo sport.. Metti in capo le differenze!

Archivio

Set

Set – Ritorno al futuro

14 agosto 2018

Storie

Il nostro modo di fare giornalismo lento, meditato, multimediale.

Storie dalla frontiera alpina

15 dicembre 2017

Racconti dal #Sinodovaldese 2017

21 agosto 2017

Riforma 500 a Milano

2 giugno 2017

Il diario di Balon Mundial

1 maggio 2017

Il Kirchentag 2017

26 maggio 2017

Riforma

Alcuni articoli pubblicati da Rbe su Riforma

Zimbabwe, il partito al potere verso la vittoria

1 agosto 2018

Quattro angoli della terra

1 agosto 2018

Momenti di pace

27 luglio 2018

Riforma penitenziaria: a che punto siamo?

20 luglio 2018
Il mensile free press L’Eco delle Valli Valdesi

Racconti

26 febbraio 2018

Il lavoro che cura

Al Club Itaca di Roma, attraverso il lavoro, si costruisce la normalità della quotidianità