406 Colpi – 406 Generazione esclusa – Intervista a Stefano Laffi
Radio Beckwith evangelica

Ascolta la Puntata:

TEMA DELLA PUNTATA N. 6

Gli adulti esercitano un potere enorme sulle future generazioni: fin dalla prima infanzia abituano alla norma e al controllo, dall’ospedale alla scuola; si cresce in mondo che non lascia spazio all’uscita dai modelli; ancor la pubblicità gioca un ruolo quasi criminale andando a plasmare con il neuromarket le menti precognitive di bambini/e. Siamo di fronte a una congiura delle vecchie generazioni contro le nuove perché arrivati alla maggiore età non c’è posto per le proprie strade, la disoccupazione e l’occupazione sono una gabbia gerontocratica. Quali sono i diversi meccanismi di esclusione delle nuove generazioni? Come vengono controllati ed esclusi dalla cittadinanza? Quale è il ruolo della pedagogia del tasto play – l’oggetto opaco sconosciuto che però educa? Quale ruolo gioca il potere educativo del marketing e della TV nel formare i desideri, nel prescrivere cosa bisogna sognare e come fare le feste compleanno? In un mondo che adultizza l’infanzia e infantilizza l’età adulta, il problema non sono i giovani, ma gli adulti. I giovani sono l’alibi di adulti in crisi, disorientati di fronte alla perdita di controllo del mondo che li circonda, increduli di fronte agli effetti di una società dei consumi da loro edificata, o meno innocentemente votati loro a consumare i giovani nei propri ambiti professionali.

STEFANO LAFFI

laffi

Stefano Laffi è laureato in economia politica e ha conseguito il dottorato in sociologia. Si è occupato di innovazione tecnologica, mutamento sociale, culture giovanili, dipendenze, processi di emarginazione e impoverimento. Ha creato l’agenzia di ricerca sociale Codici dove attualmente lavora come ricercatore sociale. Ha collaborato con la Rai, Radio Popolare; ha scritto saggi e pubblicato articoli presso diverse riviste tra cui “Lo Straniero” e “Gli asini”. Tra le sue pubblicazioni:

Le pratiche dell’inchiesta sociale, Roma: I quaderni dell’Asino, 2009lafficongiura

con Maurizio Braucci Terre in disordine. Racconti e immagini della Campania di oggi, Roma: Minimum Fax, 2009

ll furto. Mercificazione dell’età giovanile, Napoli: L’Ancora del Mediterraneo, 2000

La congiura contro i giovani, Milano: Feltrinelli, 2014

 

 LINK:

http://www.codiciricerche.it/ita/

 

APPROFONDIMENTI:

Carla Melazzini, Insegnare al principe di Danimarca, Palermo: Sellerio, 2011

Ascolta la Puntata:

[spreaker type=player resource="episode_id=9560682" theme="light" autoplay="false" playlist="false" width="100%" height="200px"]

TEMA DELLA PUNTATA N. 6

Gli adulti esercitano un potere enorme sulle future generazioni: fin dalla prima infanzia abituano alla norma e al controllo, dall'ospedale alla scuola; si cresce in mondo che non lascia spazio all'uscita dai modelli; ancor la pubblicità gioca un ruolo quasi criminale andando a plasmare con il neuromarket le menti precognitive di bambini/e. Siamo di fronte a una congiura delle vecchie generazioni contro le nuove perché arrivati alla maggiore età non c'è posto per le proprie strade, la disoccupazione e l'occupazione sono una gabbia gerontocratica. Quali sono i diversi meccanismi di esclusione delle nuove generazioni? Come vengono controllati ed esclusi dalla cittadinanza? Quale è il ruolo della pedagogia del tasto play – l'oggetto opaco sconosciuto che però educa? Quale ruolo gioca il potere educativo del marketing e della TV nel formare i desideri, nel prescrivere cosa bisogna sognare e come fare le feste compleanno? In un mondo che adultizza l'infanzia e infantilizza l'età adulta, il problema non sono i giovani, ma gli adulti. I giovani sono l’alibi di adulti in crisi, disorientati di fronte alla perdita di controllo del mondo che li circonda, increduli di fronte agli effetti di una società dei consumi da loro edificata, o meno innocentemente votati loro a consumare i giovani nei propri ambiti professionali.

STEFANO LAFFI

laffi

Stefano Laffi è laureato in economia politica e ha conseguito il dottorato in sociologia. Si è occupato di innovazione tecnologica, mutamento sociale, culture giovanili, dipendenze, processi di emarginazione e impoverimento. Ha creato l’agenzia di ricerca sociale Codici dove attualmente lavora come ricercatore sociale. Ha collaborato con la Rai, Radio Popolare; ha scritto saggi e pubblicato articoli presso diverse riviste tra cui “Lo Straniero” e “Gli asini”. Tra le sue pubblicazioni: Le pratiche dell’inchiesta sociale, Roma: I quaderni dell'Asino, 2009lafficongiura con Maurizio Braucci Terre in disordine. Racconti e immagini della Campania di oggi, Roma: Minimum Fax, 2009 ll furto. Mercificazione dell’età giovanile, Napoli: L'Ancora del Mediterraneo, 2000 La congiura contro i giovani, Milano: Feltrinelli, 2014  

 LINK:

http://www.codiciricerche.it/ita/  

APPROFONDIMENTI:

Carla Melazzini, Insegnare al principe di Danimarca, Palermo: Sellerio, 2011