Abitare le parole, suggestioni semiserie sulla vita – Lettera V
Radio Beckwith evangelica

V come Vista e Verità.

Il legame tra verità e sensi, sul modo in cui la verità raggiunge, si svela e si rende manifesta è una delle tematiche su cui la filosofia da sempre ha riflettuto.

Leggendo la Bibbia ci pare di poter dire che le “Verità”, le grandi scoperte in relazione a sé e a Dio, avvengono con la Vista.
Esempi lampanti: Adamo ed Eva videro che erano nudi, nessuno lo dice loro, lo vedono da soli, ovvero in quel momento si rendono conto di essere umani. Prima avevano solo sentito di non essere onnipotenti, in quel momento ne prendono coscienza.

Lo stesso succede nel libro di Giobbe, che dopo aver vissuto l’impossibile, dichiara a Dio: prima ti conoscevo per sentito dire, ora i miei occhi ti vedono, che forse è semplicemente un modo per dire: ora mi rendo conto di qual è la realtà, ora sono consapevole.

“Abitare le parole” è una trasmissione dedicata alla riflessione su alcune parole di uso comune in collegamento ai testi biblici. Per trovare un senso che forse non conoscevamo alle parole dei nostri discorsi, averne cura, e lasciarci curare.

Di e con Luca Margaria, docente di Etica, di Filosofia Teoretica e di Antropologia Filosofica e Maria Teresa Milano, docente di Lingua e Cultura Ebraica, entrambi presso lo STI-ISSR di Fossano.

V come Vista e Verità