Un Giorno Una Parola – Martedì 30 aprile 2019
Radio Beckwith evangelica

Dove Dio viene riconosciuto, lì si cura anche l’umanità; dove invece gli esseri umani si umiliano e si imbrogliano vicendevolmente, lì si può dedurre che il timore di Dio si è spento

Giovanni Calvino

I testi

Nessuno di voi danneggi il suo prossimo, ma temerai il tuo Dio

Levitico 25, 17

Infatti vi ho dato un esempio, affinché anche voi facciate come vi ho fatto io.

Giovanni 13, 15

13 Smettiamo dunque di giudicarci gli uni gli altri; decidetevi piuttosto a non porre inciampo sulla via del fratello, né a essere per lui un’occasione di caduta. 14 Io so e sono persuaso nel Signore Gesù che nulla è impuro in se stesso; però se uno pensa che una cosa è impura, per lui è impura. 15 Ora, se a motivo di un cibo tuo fratello è turbato, tu non cammini più secondo amore. Non perdere, con il tuo cibo, colui per il quale Cristo è morto! 16 Ciò che è bene per voi non sia dunque oggetto di biasimo; 17 perché il regno di Dio non consiste in vivanda né in bevanda, ma è giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo. 18 Poiché chi serve Cristo in questo, è gradito a Dio e approvato dagli uomini. 19 Cerchiamo dunque di conseguire le cose che contribuiscono alla pace e alla reciproca edificazione. 20 Non distruggere, per un cibo, l’opera di Dio. Certo, tutte le cose sono pure; ma è male quando uno mangia dando occasione di peccato. 21 È bene non mangiare carne, né bere vino, né fare cosa alcuna che porti il tuo fratello a inciampare. 22 Tu, la fede che hai, serbala per te stesso, davanti a Dio. Beato colui che non condanna se stesso in quello che approva. 23 Ma chi ha dei dubbi riguardo a ciò che mangia è condannato, perché la sua condotta non è dettata dalla fede; e tutto quello che non viene da fede è peccato.

Romani 14, 13-23

Le letture di oggi sono a cura di Marco Poet ed Ombretta Arnoulet.

Ascolta la puntata

Foto Ombretta Arnoulet