Un Giorno Una Parola – Martedì 7 maggio 2019
Radio Beckwith evangelica

Tutta la mia debolezza, che mi piega e mi paralizza, la depongo davanti a te. Trasformala in forza: Signore abbi pietà.

Eugen Eckert

I testi

6 Davide fu grandemente angosciato perché la gente parlava di lapidarlo, avendo tutti l’animo amareggiato, ciascuno a motivo dei suoi figli e delle sue figlie; ma Davide si fortificò nell’Eterno, il suo DIO. 

1 Samuele 30,6

4 Io rendo grazie al mio Dio, ricordandomi sempre di te nelle mie preghiere, 5 sentendo parlare del tuo amore e della fede che hai verso il Signore Gesù e verso tutti i santi, 6 affinché la comunione della tua fede sia efficace, nel riconoscimento di tutto il bene che è in voi, a motivo di Cristo Gesù.  

Filemone 4.6

17 Or io vi esorto, fratelli, a guardarvi da quelli che fomentano le divisioni e gli scandali contro la dottrina che avete appreso, e ritiratevi da loro; 18 costoro infatti non servono il nostro Signore Gesù Cristo ma il proprio ventre, e con dolce e lusinghevole parlare seducono i cuori dei semplici. 19 La vostra ubbidienza infatti si è divulgata fra tutti; io mi rallegro quindi per voi; or io desidero che siate savi nel bene e semplici nel male. 20 Ora il Dio della pace schiaccerà presto Satana sotto i vostri piedi. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo sia con voi. Amen. 21 Timoteo, mio compagno d’opera, Lucio, Giasone e Sosipatro, miei parenti, vi salutano. 22 Io, Terzio, che ho scritto questa epistola, vi saluto nel Signore. 23 Gaio, che ospita me e tutta la chiesa, vi saluta. Erasto, il tesoriere della città e il fratello Quarto vi salutano. 24 La grazia del Signor nostro Gesù Cristo sia con tutti voi. Amen. 25 Or a colui che vi può raffermare secondo il mio evangelo e la predicazione di Gesù Cristo, secondo la rivelazione del mistero celato per molti secoli addietro, 26 e ora manifestato e rivelato fra tutte le genti mediante le Scritture profetiche, secondo il comandamento dell’eterno Dio, per indurli all’ubbidienza della fede, 27 a Dio, unico sapiente, sia la gloria in eterno, per mezzo di Gesù Cristo. Amen.

Romani 16, 17-27

Le letture di oggi sono a cura di Laura Pons e Paolo Rovara

Ascolta la puntata

Foto di Ombretta Arnoulet