Un giorno Una Parola – Giovedì 24 Ottobre 2019
Radio Beckwith evangelica

Se abbiamo te nulla ci può nuocere: non il diavolo, non il mondo lontano da te, non il peccato, non la morte. Tu hai la vita nelle tue mani: puoi volgere al bene ciò che ci colpisce, in qualunque modo si presenti l’afflizione.

Cyriakus Schneegab

I testi

12 Hai fatto cavalcare uomini sul nostro capo; siamo passati attraverso il fuoco e l’acqua, ma poi ci hai tratti fuori in un luogo di refrigerio.

Salmo 66,12

4 Queste cose vi scriviamo perché la nostra gioia sia completa.

1 Giovanni 5,4

1 Allora Elifaz di Teman rispose e disse:
2 «Se provassimo a dirti una parola,
ti darebbe fastidio?
Ma chi potrebbe trattener le parole?
3 Tu ne hai ammaestrati molti,
hai fortificato le mani stanche;
4 e le tue parole hanno rialzato chi stava cadendo,
hai rafforzato le ginocchia vacillanti;
5 e ora che il male piomba su di te,
ti lasci abbattere;
ora che è giunto fino a te, sei tutto smarrito.
6 Il tuo timor di Dio non ti dà fiducia,
e l’integrità della tua vita non è la tua speranza?
7 Ricorda: quale innocente perì mai?
Dove furono mai distrutti gli uomini retti?
8 Io per me ho visto che coloro che arano iniquità
e seminano tormenti, ne mietono i frutti.
9 Al soffio di Dio essi periscono,
dal vento della sua ira sono consumati.
10 Spenta è la voce del ruggente,
sono spezzati i denti dei leoncelli.
11 Perisce per mancanza di preda il forte leone,
e restano dispersi i piccini della leonessa.
12 «Una parola mi è furtivamente giunta,
e il mio orecchio ne ha còlto il lieve sussurro.
13 Tra i pensieri delle visioni notturne,
quando un sonno profondo cade sui mortali,
14 uno spavento mi prese, un tremore,
che mi fece fremer tutte le ossa.
15 Uno spirito mi passò davanti,
e i peli mi si rizzarono addosso.
16 Si fermò, ma non riconobbi il suo sembiante;
una figura mi stava davanti agli occhi
e udii una voce sommessa che diceva:
17 “Può il mortale essere giusto davanti a Dio?
Può l’uomo essere puro davanti al suo creatore?
18 Ecco, Dio non si fida dei suoi servi,
e trova difetti nei suoi angeli;
19 quanto più in quelli che stanno in case d’argilla,
che hanno per fondamento la polvere
e sono schiacciati al pari delle tignole!
20 Fra la mattina e la sera sono infranti;
periscono per sempre, senza che nessuno se ne accorga.
21 La corda della loro tenda è strappata,
e muoiono senza possedere la saggezza”.

Giobbe 4,1-21

Le letture di oggi sono a cura di Giovanni Bernardini e Daniela Grill

Ascolta

Foto di Ombretta Arnoulet