In verità signore, se mi esamino trovo grandi contraddizioni. Da un lato mi sento vuoto dentro e il mio animo è come un malato al quale niente va, tutto gli è contro. Chi viene da me trova la casa vuota perchè il padrone se n’è andato. Ma se la chiara stella del mattino splende nel mio animo, sparisce ogni sofferenza, le tenebre svaniscono e il mio cuore ride. E’ come se fossi in uno spazio e in un tempo dilatati e in presenza di una beatitudine eterna.

Heinrich Seuse

I testi

35 «I vostri fianchi siano cinti, e le vostre lampade accese;  

Luca 12 ,35

11 La luce è spuntata per il giusto,e la gioia per i retti di cuore.

Salmo 97,11

4 Beati quelli che sono afflitti, perché saranno consolati.

Matteo 5 ,4

1 «Allora il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini le quali, prese le loro lampade, uscirono a incontrare lo sposo. 2 Cinque di loro erano stolte e cinque avvedute; 3 le stolte, nel prendere le loro lampade, non avevano preso con sé dell’olio; 4 mentre le avvedute, insieme con le loro lampade, avevano preso dell’olio nei vasi. 5 Siccome lo sposo tardava, tutte divennero assonnate e si addormentarono. 6 Verso mezzanotte si levò un grido: “Ecco lo sposo, uscitegli incontro!” 7 Allora tutte quelle vergini si svegliarono e prepararono le loro lampade. 8 E le stolte dissero alle avvedute: “Dateci del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. 9 Ma le avvedute risposero: “No, perché non basterebbe per noi e per voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene!” 10 Ma, mentre quelle andavano a comprarne, arrivò lo sposo; e quelle che erano pronte entrarono con lui nella sala delle nozze, e la porta fu chiusa. 11 Più tardi vennero anche le altre vergini, dicendo: “Signore, Signore, aprici!” 12 Ma egli rispose: “Io vi dico in verità: Non vi conosco”. 13 Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora.

Matteo 25 ,1-13

Le letture di oggi sono a cura di Silvia Geymet e Gian Mario Gillio

Ascolta