Apriamo questa puntata con l’attualità, parlando degli ultimi sviluppi del “caso Navalny”. Dopo il fallito avvelenamento dello scorso agosto e il trasferimento in Germania, il principale oppositore di Vladimir Putin ha fatto rientro in Russia solo per esservi immediatamente arrestato. Dalla reazione della comunità internazionale al rilascio di una nuova inchiesta anti-corruzione, facciamo il punto sugli ultimi eventi.

Nella seconda parte, il primo racconto di viaggio di Simone Zoppellaro in Armenia e in Karabakh, terre segnate da un recente conflitto – durato 44 giorni – che ha lasciato traumi e ferite profonde. Dal cimitero di Yerablur, segnato da centinaia di tombe di ragazzi giovanissimi, a una Stepanakert, dove la pace non è mai stata così lontana.

La musica dell’edicola volante