Una casa per tutti?

Come molte città cresciute intorno a un modello industriale, anche Pinerolo vive da circa 20 anni una lenta contrazione della popolazione. Rispetto alle previsioni formulate nel suo piano regolatore, tutt’ora in vigore anche se pesantemente emendato, Pinerolo non solo non ha mai raggiunto i 50.000 abitanti, ma addirittura dal 1995 a oggi è passata da 39.000 a 36.000 residenti. Questa contrazione ha portato con sé una conseguenza evidente, la grande quantità di appartamenti sfitti o in vendita. In parallelo a questo problema, il territorio si è progressivamente impoverito, pagando più di altri il prezzo di un decennio di recessione economica. Per affrontare questo e altri nodi legati al diritto alla casa, il Comune di Pinerolo ha deciso di riavviare le attività della Commissione casa, presieduta dall’assessora alle politiche sociali e sanitarie del Comune di Pinerolo, Lara Pezzano.

Perché il Comune di Pinerolo ha deciso di istituire nuovamente la Commissione casa? È la stessa del passato?
«La Commissione casa esisteva già più di dieci anni fa, ma non è mai stata utilizzata col senso che poteva avere, cioè un momento di confronto e discussione con gli altri attori del territorio, un momento di discussione.
Ora il senso è quello di confrontarci, discutere e condividere scelte che vengono fatte, per esempio sulle assegnazioni, oppure sull’agenzia per la locazione, o ancora per definire e validare i soggetti che presentano domanda per il bando FIMI, il fondo per la morosità incolpevole. Abbiamo ricostruito la Commissione casa proprio per questo, abbiamo stabilito un regolamento e oggi ci si incontra una volta al mese. Le prime volte, per esempio, ci siamo occupati dei criteri per definire la morosità incolpevole e poi sullo stilare una graduatoria oggettiva dell’emergenza abitativa».

Che cosa significa?
«Fino a ieri le persone in emergenza abitativa venivano valutate con dei criteri, ma non veniva dato un punteggio oggettivo. Abbiamo ragionato con la commissione casa per tre mesi su come fare per dare dei punteggi, esattamente come si fa nei bandi, quindi capire quali sono i criteri in caso di sfratto, inagibilità, crollo della casa, perdita del lavoro e così via. Possono esserci mille motivi per cui uno si trova senza la casa, per cui abbiamo definito i criteri insieme alle varie associazioni e insieme ai rappresentanti delle varie minoranze. Abbiamo preso tutte le persone che erano assegnate in emergenza abitativa, che era un elenco senza alcun ordine, e abbiamo provato a costruire una graduatoria in base ai parametri oggettivi. È un cambiamento epocale nella gestione dell’emergenza abitativa. Ovviamente, a parità di punteggio ci saranno dei criteri più discrezionali e legati alla composizione, ma se arriva un alloggio e ci sono situazioni di parità di punteggio, allora conteranno parametri come la data di presentazione della domanda».

In tempi di mancanza di lavoro, il sistema delle case popolari riesce a far fronte alle necessità?
«Le case popolari non sono nate per far fronte alla persona in crisi, all’immigrato che è arrivato, che vive qua e che ha perso il posto di lavoro e non ha più un posto per dormire, o al senzatetto. Sono nate per far fronte a una classe media o medio-bassa che si garantiva la possibilità di avere una casa per tutta la vita. Sono nate per la classica famiglia che diceva “non mi posso permettere di comprare un alloggio perché non ho il capitale da anticipare, quindi pago un affitto basso per 20 anni, 30 anni, fino alla fine della mia vita, ma so che non sarò sottoposto alle lune del proprietario che magari un giorno vende tutto e mi sfratta”: nelle case popolari il diritto all’abitazione viene garantito a patto che si paghi l’affitto, oltretutto molto calmierato. La casa popolare nasce per questo».

Come funziona?
«Per avere il diritto di accedere agli alloggi di edilizia popolare si partecipa a un bando, che viene rinnovato normalmente ogni quattro anni. Basta un ISEE pari a 20.000 o 26.000 mila euro e si entra in graduatoria. Quando tocca a te, anche se non sei sotto sfratto, non sei in emergenza, magari paghi già un affitto altrove, vai a vedere l’alloggio, così riesci ad avere per tutta la tua vita un affitto in base al tuo reddito. Infatti, l’affitto nella casa di edilizia residenziale popolare si paga attraverso una formula che mette a confronto i metri quadri dell’alloggio con il reddito del beneficiario».

Come si integra questo modello con quello dell’emergenza?
«Accanto a chi è in graduatoria ci sono tutti coloro che sono in una situazione di precarietà o criticità legate a uno sfratto, all’inagibilità della casa o ad altre cause. Possono esserci problemi che partono dalla perdita del lavoro, oppure dalla morosità da lungo termine, o magari dal fatto che l’impianto della casa non è più agibile e quindi si è obbligati a lasciare l’abitazione. A quel punto la persona viene all’ufficio casa e può richiedere una soluzione tampone. Gli alloggi resi disponibili per edilizia residenziale popolare a quel punto vengono assegnati in parte via bando e in parte per l’emergenza abitativa, in una proporzione che la Regione chiede sia paritaria. Quindi se arrivano venti alloggi in un anno, dieci li do a persone in graduatorie e dieci a chi è in una situazione di emergenza abitativa».

E oltre alle proporzioni, anche il trattamento è paritario?
«Qui serve una premessa: oltre alla questione delle graduatorie o dell’emergenza esiste anche un discorso di caratteristiche abitative. Se arriva un monolocale e ho tre figli, questo alloggio non mi verrà mai assegnato, nemmeno se sono per strada, perché la Regione attraverso Atc non ci permette di assegnarlo.
A parte questo, se sono in graduatoria e arriva un appartamento adatto alle mie caratteristiche, adatto come metratura, ma non mi piace, allora posso rifiutarlo e aspettare che ne arrivi un altro. Se invece sono in emergenza abitativa, nel momento in cui vengo chiamata per vederlo sono obbligata ad accettarlo, perché in caso contrario si esce dalla graduatoria e non si può più essere assegnatari di alloggi».

Al netto di queste differenze, qual è la tendenza relativa all’emergenza abitativa? Si tratta di una questione che per Pinerolo tende a peggiorare o a migliorare?
«Visto che quest’anno siamo riusciti ad assegnare gli alloggi per un 70% attraverso bando e soltanto per un 30% per emergenza, possiamo dire che è andata meglio, mentre gli altri anni veniva assegnato all’opposto, si rischiava di sforare il 50% sull’emergenza creando dei problemi anche in relazione alle direttive della Regione. Credo che questo sia anche legato al sistema di gestione con cui si cerca di bloccare lo sfratto, quindi di prevenire l’emergenza.
Ci sono però almeno due problemi che non permettono di rispondere con certezza, uno legato all’accoglienza e l’altro legato al lavoro. Se non si riprende il lavoro non si risolvono le emergenze abitative: la casa è solo il classico sintomo dell’assenza di lavoro».

A cosa si riferisce invece quando parla dell’accoglienza?
«Questo è il punto più altalenante, qui c’è da aspettarsi un po’ di tutto. Se mi chiudono i dormitori, o se i progetti di accoglienza Sprar e Cas non portano alla fine a delle forme di autonomia, nel prossimo futuro avremo una serie di persone sul territorio che non si possono gestire autonomamente dal punto di vista economico. Questo è un grosso problema, perché finché sono dentro a uno Sprar bene o male qualcuno paga, ma quando finiscono questa garanzia viene meno. Insieme ai servizi sociali stiamo cercando di capire cosa fare dopo lo Sprar. In questo momento siamo in una situazione stabile ma critica, quindi servirebbero più posti. Da un punto di vista politico e sociale, il problema del dopo-Sprar è molto serio e non viene preso in considerazione in questo momento, perché con le elezioni politiche da qui a poco non si può affrontare».

Un campo su cui un’amministrazione comunale ha molta meno voce in capitolo è quello degli affitti privati in una città come Pinerolo in cui sono molti gli alloggi sfitti. Esiste qualche strumento a disposizione della politica?
«Ce n’è uno in particolare su cui si sta lavorando, cioè gli accordi territoriali, nel senso che se il proprietario applica l’affitto secondo gli accordi territoriali ha una riduzione importante sull’Imu e sulla cedolare secca. Si cerca di spingere su questo tasto e questo lavoro viene fatto molto bene grazie anche al Comitato Rete Casa, un’associazione di volontari che si occupa di fare da intermediario tra il proprietario privato e chi è in difficoltà, ma che deve comunque avere una garanzia minima, una busta paga o una dichiarazione dei redditi.
Quello su cui puntiamo è riaprire l’Agenzia per la locazione: quello potrebbe aiutare a trattare con i privati perché prevede dei fondi per loro. Se io, proprietario privato, affitto l’alloggio e quindi accetto la sfida di affittare in una condizione di precarietà, con affitto calmierato, ricevo già subito un premio di 1.000-1.500 euro, poi ho una garanzia anche in caso di morosità per alcune mensilità. Esistono diverse caratteristiche di agevolazione che derivano dai fondi regionali che possono essere delle opportunità per muovere il mercato privato. Abbiamo scritto in Regione dicendoci interessati e abbiamo e abbiamo ribadito la nostra volontà di essere presi in considerazione nel bilancio 2018».

Altri episodi

Il sindaco di Limone Piemonte «È stata una catastrofe»

Massimo Riberi, sindaco di Limone Piemonte ci racconta la situazione drammatica a Limone e in val Vermenagna con notizie anche sul momento della Val Roya. «È stata una catastrofe, dobbiamo avere un commissario straordinario per la ricostruzione altrimenti la burocrazia non ci farà ripartire in tempi brevi. In Francia sono stati subito stanziati 100 milioni da Macron e in un anno ripristineranno la viabilità e la strada in val Roya».... from Il sindaco di Limone Piemonte «È stata una catastrofe»
11 min

La nuova legge quadro sullo sport in Piemonte

Il consiglio regionale ha approvato la nuova Legge quadro dello Sport, in Piemonte dopo 25 anni: un testo unico che regolamenta il rapporto tra istituzioni e realtà sportive e che vuole garantire una maggiore efficienza di tutto il settore. L'abbiamo commentata con l'assessore regionale allo Sport Fabrizio Ricca.... from La nuova legge quadro sullo sport in Piemonte
14 min

La Valpeagle non si iscrive al campionato

La squadra di hockey ghiaccio della val Pellice non si iscriverà al prossimo campionato di Ihl. I problemi sono legati all'emergenza covid e alla previsione di meno entrate economiche per soddisfare i protocolli nazionali e regionali. Ci spiega tutte le motivazioni Massimo Sainato del direttivo della cooperativa Hcv Filatoio 2440.... from La Valpeagle non si iscrive al campionato
11 min

Sansa: «Faremo un’opposizione dura»

L'intervista al candidato presidente in Liguria che ha unito Pd e cinquestelle ma non è riuscito a sconfiggere il governatore uscente Giovanni Toti.... from Sansa: «Faremo un’opposizione dura»
7 min

Alassio e Carcare condannate in appello: “Ordinanze discriminatorie”

La sentenza della Corte d'Appello di Genova ha giudicato discriminatorie le ordinanze comunali di Alassio e Carcare che vietavano a persone prive di fissa dimora, provenienti da paesi dell’area africana, asiatica e sud americana, se non in possesso di regolare certificato sanitario attestante la negatività da malattie infettive trasmissibili, di insediarsi anche occasionalmente nel territorio comunale... from Alassio e Carcare condannate in appello: “Ordinanze discriminatorie”
13 min

Io torno a casa: AslTo3 e Tavola Valdese di nuovo a fianco

Il nuovo progetto di assistenza domiciliare che vede a fianco Tavola valdese AslTo3... from Io torno a casa: AslTo3 e Tavola Valdese di nuovo a fianco
13 min

Trasparenza e formazione: le chiavi per prevenire la violenza

L’indagine della Procura di Torino sulle presunte violenze e torture subìte dai detenuti del Carcere Lo Russo Cotougno riapre il dibattito sul problema della sicurezza e dei diritti all’interno delle strutture penitenziarie... from Trasparenza e formazione: le chiavi per prevenire la violenza
12 min

La 13° edizione di Una Torre di Libri

14 eventi gratuiti concentrati nelle giornate di venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 agosto. Torre Pellice torna capitale della cutlura del pinerolese con grandi nomi come Fabio Geda, Samuel, Giuseppe Cederna, Gianbattista Rigoni Stern. Moltissimi i temi e i libri presentati.... from La 13° edizione di Una Torre di Libri
13 min

La riqualificazione alpina con i fondi europei: il caso del bivacco dell’Infernet ad Angrogna

Il bivacco dell'Infernet ad Angrogna è stato finanziato con circa 80.000 di fondi europei. Un esempio di efficienza e velocità di azione nella riqualificazione delle antiche e abbandonate borgate alpine.... from La riqualificazione alpina con i fondi europei: il caso del bivacco dell’Infernet ad Angrogna
18 min

Cinque Spighe Verdi in Piemonte

Per la prima volta salgono a cinque i comuni virtuosi piemontesi che raggiungono gli standard di sostenibilità dei comuni rurali: Monforte d’Alba (Cuneo) come new entry, e la riconferma di Pralormo (Torino), Volpedo (Alessandria), Canelli (Asti) e Santo Stefano Belbo (Cuneo).... from Cinque Spighe Verdi in Piemonte
8 min

Coronavirus, intervista a Duilio Canale, presidente dell’Unione dei Comuni del pinerolese

L'intervista delle 18,30 al presidente dell'Unione dei Comuni del pinerolese, Duilio Canale, dopo l'incontro tra i sindaci, in attesa del protocollo definitivo della regione Piemonte, previa approvazione del Ministero della Salute, al quale tutti i comuni dovranno attenersi.... from Coronavirus, intervista a Duilio Canale, presidente dell’Unione dei Comuni del pinerolese
7 min

Coronavirus, intervista a Flavio Boraso: nell’ASL TO3 situazione monitorata

Il direttore dell'ASL TO3, Flavio Boraso, fornisce indicazioni utili per comprendere la situazione pinerolese in merito alla diffusione del coronavirus e le norme di comportamento ottimali per non correre rischi... from Coronavirus, intervista a Flavio Boraso: nell’ASL TO3 situazione monitorata
7 min

I giovani d’oro di Union Volley Pinerolo

La Federazione ha assegnato un riconoscimento per il lavoro svolto nel settore giovanile Nei nostri studi il direttore sportivo di Union Volley Francesco Cicchiello e l’istruttore Claudio Mina ci hanno portato dentro il mondo di un settore giovanile florido e ben gestito dal team di tecnici e dirigenti che ne fanno un fiore all’occhiello dello... from I giovani d’oro di Union Volley Pinerolo

SKF Valchisone: riprende l’avventura

Sabato 28 settembre l’esordio stagionale per la squadra maschile In studio con noi il presidente dell’HC Skf Valchisone Paolo Dell’Anno ci parla della nuova stagione ai nastri di partenza, tra obiettivi ambiziosi e importanti novità Guarda l’intervista... from SKF Valchisone: riprende l’avventura

Sulle vette a dorso di mula

Silvano De Giovanni sta affrontando le vette superiori ai 3000 metri a dorso della sua mula Nei nostri studi Silvano De Giovanni ci racconta il suo percorso per le montagne piemontesi a dorso di Pioggia, la mula che ha addestrato e con la quale ha instaurato un rapporto speciale. Guarda l’intervista... from Sulle vette a dorso di mula

Diaconia Valdese: a servizio del territorio

Dalle problematiche nella gestione dei migranti all’attenzione per gli anziani Ai nostri microfoni il segretario esecutivo della Diaconia Valdese Gianluca Barbanotti ci illustra le prospettive e le riflessioni emerse durante il Sinodo Guarda l’intervista... from Diaconia Valdese: a servizio del territorio

Intervista al vicesindaco di Frossasco, Renato Zambon, sull’incendio all’Annovati

Un incendio è scoppiato questa mattina all’alba in un deposito di legna e scarti di lavorazione a Frossasco, nella sede dell’ex azienda Annovati, chiusa da alcuni anni e specializzata nella produzione di pannelli in truciolato. Le fiamme sono partite dalle montagne di detriti e di materiale legnoso accumulato nel piazzale esterno. Il rogo ha provocato... from Intervista al vicesindaco di Frossasco, Renato Zambon, sull’incendio all’Annovati
7 min

Più turismo a Torino: intervista Guido Bolatto, Camera di Commercio

Crescita nel 2017 il turismo a Torino. I dati sono dell'Osservatorio alberghiero della Camera di Commercio e di Turismo Torino, in collaborazione con le associazioni di categoria, mentre per gli Airbnb sono stati forniti dalla Città.... from Più turismo a Torino: intervista Guido Bolatto, Camera di Commercio

Con Marco Armand Hugon per l’accordo quadro tra Asl To3 e Diaconia Valdese

Siamo stati con Marco Armand Hugon, referente dei servizi innovativi per Diaconia valdese e abbiamo ascoltato l'intervista a Flavio Boraso, direttore generale Asl To 3, commentando la novità: il primo accordo quadro firmato e tutte le novità della Welfare Community.... from Con Marco Armand Hugon per l’accordo quadro tra Asl To3 e Diaconia Valdese

Nuovo incendio in val Susa, a Villar Dora: intervista al sindaco Mauro Carena

Intervista in seguito all'incendio scoppiato in questi giorni... from Nuovo incendio in val Susa, a Villar Dora: intervista al sindaco Mauro Carena

La diretta video dal presidio lavoratori della Embraco

La diretta video dal presidio dei lavoratori della Embraco di Riva di Chieri del 19 dicembre 2017. 497 lavoratori rischiano il posto, dopo l'arrivo delle lettere di licenziamento. ... from La diretta video dal presidio lavoratori della Embraco

Video: la situazione nel pinerolese a cinque mesi dall’alluvione

Il nostro reportage video a cinque mesi dall'alluvione che ha colpito le valli del pinerolese il 24 25 novembre 2016... from Video: la situazione nel pinerolese a cinque mesi dall’alluvione

Inciampi nella memoria

A Torino posate altre sei Pietre d'Inciampo in memoria delle vittime dell'olocausto.... from Inciampi nella memoria
16 min

La campagna di Coldiretti «Stop cibo falso»

Coldiretti e Campagna amica lanciano l'appello "Stop cibo falso", per la tutela del cibo: una firma per tutelare il meglio del cibo italiano e difendere la salute.... from La campagna di Coldiretti «Stop cibo falso»

La fusione nucleare in Piemonte? C’è qualche possibilità

La nostra regione si candida ad ospitare un laboratorio in cui si studia e si cerca di realizzare la fusione nucleare. Il sito individuato si troverebbe nel comune di Casale Monferrato. Il tokamak è una macchina che permetterebbe la fusione nucleare, fonte di energia quasi inesauribile. E l'Italia, e il Piemonte, potrebbero fare la loro parte ... from La fusione nucleare in Piemonte? C’è qualche possibilità
45 min

La Comunità energetica del pinerolese e i lavori per il post alluvione

Nella puntata di lunedì 14 maggio siamo tornati ad aggiornarvi sui lavori, nelle vallate del pinerolese, di ripristino dei danni alluvionali del 24,25 e 26 novembre e poi abbiamo parlato dei progressi verso la Comunità energetica del pinerolese.... from La Comunità energetica del pinerolese e i lavori per il post alluvione
57 min

De Andrè a Torre Pellice e la violenza sugli uomini a Bruino

Siamo stati con il Consorzio Anime Salve che hanno suonato a Torre Pellice al Teatro del Forte sabato 29 aprile e poi con Michele Beatrice, art director del comune di Bruino che ha avuto la brillante idea di lanciare una campagna contro la violenza sulle donne ma dedicata specificatamente agli uomini... from De Andrè a Torre Pellice e la violenza sugli uomini a Bruino
59 min

Venerdì 21 aprile l’ALP indice un’assemblea pubblica

L'assemblea pubblica è convocata presso il Salone dei Cavalieri a Pinerolo dalle ore 21.00... from Venerdì 21 aprile l’ALP indice un’assemblea pubblica

Il live del concerto dei GANG davanti alla PMT

Il live del concerto dei GANG davanti alla PMT... from Il live del concerto dei GANG davanti alla PMT

Spettacolo Jacopo Lombardini – Un maestro di libertà

Sabato 8 aprile 2017 alle ore 21 al Tempio valdese di Pinerolo, in via Diaz, spettacolo teatrale Jacopo Lombardini - Un maestro di libertà con colletta in favore delle lavoratrici e dei lavoratori della PMT in lotta.... from Spettacolo Jacopo Lombardini – Un maestro di libertà

Consegnata la lettera al Presidente del Senato, Pietro Grasso

Consegnata la lettera al Presidente del Senato, Pietro Grasso... from Consegnata la lettera al Presidente del Senato, Pietro Grasso

Ancora un nulla di fatto per gli ex Pmt

L'aggiornamento video dopo l’incontro di giovedì 23 marzo mattina in Regione Piemonte tra i rappresentanti sindacali e l’assessora al lavoro Gianna Pentenero... from Ancora un nulla di fatto per gli ex Pmt

Spotlight: a Cuneo Federico Rampini

Capire il mondo attraverso le carte geografiche Al Teatro Civico Toselli di Cuneo va in scena il secondo appuntamento della rassegna Spotlight, luci che accecano, verità nascoste, che anticipa i temi della Biennale della Democrazia in programma a fine marzo prossimo a Torino. In questo secondo appuntamento, il giornalista e scrittore Federico Rampini, porta il suo spettacolo... from Spotlight: a Cuneo Federico Rampini

Osasco: al via i lavori per le aule dell’Agrario

Finalmente verso il traguardo Finalmente in cantiere le aule dell’Istituto Agrario Prever di Osasco, dopo tre anni di rinvii e incomprensioni. In studio con noi il professore dell’Agrario Marco Ramotti ci racconta gli ultimi sviluppi Guarda il video... from Osasco: al via i lavori per le aule dell’Agrario

Torna il Trail degli Invincibili

Fredi Gallo ci presenta la terza edizione Domenica 30 settembre si corre il terzo Trail degli Invincibili, la corsa in montagna che percorre  i sentieri che furono teatro  della resistenza valdese nel XVI e XVII secolo. Il presidente della Polisportiva Bobbiese, tra gli organizzatori dell’evento, è stato ospite nei nostri studi per raccontarci tutti i particolari di... from Torna il Trail degli Invincibili

Il 29 marzo una cena solidale per gli operai PMT

CENA SOLIDALE PER LA PMT, MERCOLEDÌ 29 MARZO ORE 20 AL CIRCOLO STRANAMORE... from Il 29 marzo una cena solidale per gli operai PMT