S01E10 – L’Europa, un ponte oltre le sue frontiere

Prosegue il viaggio di Kiosk con la penultima puntata del 2018. Una puntata ricca di voci e musica dedicata a un riferimento imprescindibile: il pensatore e politico sudtirolese Alexander Langer, scomparso nel 1995. Come Langer, nel nostro piccolo, abbiamo costruito ponti per raccontarvi di Paesi e temi poco battuti dai grandi media: dall’Armenia alla Turchia, fino a una vicenda straordinaria, quella dei profughi polacchi negli anni Quaranta, che da Varsavia passa per i gulag siberiani e per l’Iran, per giungere in Africa.

Iniziamo parlando del Paese dell’anno per questo 2018 secondo The Economist: l’Armenia, che dalla Rivoluzione di velluto alle elezioni di dicembre ha dato prova di una grande vitalità politica. Un Paese che sembrava destinato all’immobilismo più totale, dopo dieci anni di presidenza Sargsyan, ma che a partire da questa primavera ha innescato un cambiamento inarrestabile partito dal basso e senza alcun spargimento di sangue. La disobbedienza civile, a Yerevan, si è dimostrata un’arma temibile quanto incruenta.

Proseguiamo raccontando, insieme a Lorenzo Berardi che vi ha dedicato un articolo su Centrum Report, la vicenda di 18mila profughi polacchi accolti in Africa 75 anni fa, dopo essere passati per l’Iran. Ex deportati in Siberia, costretti a lasciare il Paese occupato dall’URSS a seguito del patto Molotov-Ribbentrop, questi profughi furono spinti verso un’epopea infinita che non si concluse neppure con la fine della guerra. Una storia di accoglienza davvero bella, ma anche un cortocircuito della storia, se pensiamo alle ultime vicende nel nostro continente e alla crisi dei rifugiati.

Passiamo quindi alla Turchia, per parlare dell’inchiesta internazionale #BlackSitesTurkey insieme a Lorenzo Bagnoli, che vi ha partecipato. Rapimenti all’estero, voli misteriosi, deportazioni e torture riservati agli oppositori del regime di Erdogan. Un fenomeno allarmante di cui nessuno ancora aveva scritto e che, a quanto riportano gli autori dell’inchiesta, è condotto dai servizi segreti turchi con la complicità di diverse cancellerie internazionali. Un buco nero, una Guantanamo turca, come è stata definita, dove finiscono (e scompaiono) oppositori provenienti da tutto il mondo.

Concludiamo parlando dell’eredità umana e politica di un grande del Novecento, Alexander Langer, insieme a Edi Rabini, direttore della Fondazione Alexander Langer, che porta avanti con il suo lavoro l’eredità umana e politica straordinaria del politico sudtirolese. E insieme a Rabini, storico collaboratore di Langer, ci siamo interrogati su quale sia il lascito e il significato della sua opera a oltre vent’anni dalla sua scomparsa.

Il tutto condito con musiche tutte ad est, brani di ieri e di oggi, in un viaggio immaginario che ci porta dalla Germania a Israele, passando per l’Iran, l’Afghanistan e l’Armenia. Buon ascolto!

Playlist

Altri episodi

S03E35 – Yutel, l’ultima e la prima televisione federale della Jugoslavia

📌 In queste settimane si ricorda il trentennale dell’inizio delle guerre jugoslave. Raccontiamo quella storia dall'occhio di YUTEL.... from S03E35 – Yutel, l’ultima e la prima televisione federale della Jugoslavia
34 min

S03E34 – Tol’jatti, passato e presente di una città del futuro

Con Guido Sechi andiamo alla scoperta della "città del futuro" sovietica, dove la fabbrica domina la vita quotidiana... from S03E34 – Tol’jatti, passato e presente di una città del futuro
27 min

S03E33 – Tra rap polacco e disco sovietica

Partiamo dalla Polonia, dove scopriamo la scena rap locale. Ci spostiamo in Unione Sovietica, per la nascita delle prime discoteche.... from S03E33 – Tra rap polacco e disco sovietica
37 min

S03E32 – Gli yazidi dopo il genocidio. Budapest e la Cina

I crimini commessi dal Daesh contro gli yazidi costituiscono un genocidio. A Budapest proteste contro l'università cinese Fudan.... from S03E32 – Gli yazidi dopo il genocidio. Budapest e la Cina
24 min

S03E31 – I Balcani ridisegnati, la Polonia verso una nuova élite conservatrice

Tre "non-paper" per ridisegnare i Balcani. A Varsavia nasce il Collegium Intermarium, supportato dai conservatori di Ordo Iuris... from S03E31 – I Balcani ridisegnati, la Polonia verso una nuova élite conservatrice
33 min

S03E30 – Biden e il genocidio armeno; gli oligarchi e le mani su Siena

Dopo 106 anni, gli Stati Uniti riconoscono il genocidio armeno. A Siena gli oligarchi post-sovietici lucrano su una città impoverita... from S03E30 – Biden e il genocidio armeno; gli oligarchi e le mani su Siena
34 min

S03E29 – Quale transizione ecologica per la Polonia?

Inquinamento, Green Deal e miniere di carbone. In Polonia la questione della transizione energetica è più complicata che altrove.... from S03E29 – Quale transizione ecologica per la Polonia?
24 min

S03E28 – Jovan Divjak, il secolo di “Sarajovo”

In questa puntata ricordiamo il percorso di vita di uno dei veri, grandi, protagonisti della capitale bosniaca, scomparso l'8 aprile 2021.... from S03E28 – Jovan Divjak, il secolo di “Sarajovo”
26 min

S03E27 – 35 anni da Černobyl, una storia non finita

Il 26 aprile 1986 una serie di esplosioni distrussero la centrale di Černobyl’, causando la più grande catastrofe nucleare della storia.... from S03E27 – 35 anni da Černobyl, una storia non finita
27 min

S03E26 – Culture pop da Budapest a Kiev

In questa puntata partiamo dall’Ungheria, dove è stato varato un nuovo piano del governo per supportare la musica pop nazionale. Partiamo da questo evento per raccontare il complesso rapporto tra governo e settore culturale, da anni nel mirino di Orban. Ci spostiamo poi in un luogo denso di memorie che ripercorrono l’ultimo secolo. Stiamo parlando... from S03E26 – Culture pop da Budapest a Kiev
23 min