Giorgio Felici, confartiginato Piemonte: «Non è una fase 2»
Radio Beckwith evangelica

Il mondo artigiano avanza alcune proposte per accelerare la ripresa

Acconciatori ed estetisti sono stati tra i primi a chiedere la sospensione delle proprie attività di fronte alla diffusione crescente del Coronavirus, lanciando un preciso segnale di attenzione alla salute delle persone e di tutela dei propri collaboratori. Con il Decreto dello scorso 11 marzo, sono arrivati i provvedimenti che hanno sancito la chiusura delle attività del benessere e dei servizi alla persona, una chiusura che è stata prolungata con l’ultimo DPCM fino al primo giugno.

Per questo Confartigianato ha presentato al Governo una serie di proposte operative di carattere organizzativo e igienico-sanitario per la riapertura dei saloni.

Dagli ultimi dati elaborati dall’Ufficio Studi di Confartigianato, in questi settori in Piemonte si registrano 12.449 imprese artigiane del settore dei servizi di acconciatura e altri trattamenti estetici, che offrono servizi di acconciatura, manicure, pedicure e trattamenti estetici grazie anche ai circa 22mila addetti.

Ascolta in Tutto Qui