I fondi europei aiutano l’occupazione in Piemonte
Radio Beckwith evangelica

Sono arrivati i dati di Ires Piemonte che premiano le politiche attive sul lavoro finanziate dal Fondo Sociale Europeo.

Sono fondi dedicati alle politiche attive che nel quadriennio 2017-2020 hanno generato un incremento del 30% degli occupati, con oltre 20 mila persone in più avviate al lavoro in Piemonte. Le risorse stanziate dal Fondo Sociale Europeo sono state 13 milioni di euro e le persone coinvolte sono state 33mila. La quota maggiore di destinatari è composta dai disoccupati da almeno sei mesi, circa 20mila persone.
I servizi erogati sono di cinque tipi: i laboratori di politica attiva, che divulgano informazioni utili sul mercato del lavoro; l’orientamento specialistico, per mettere a fuoco gli obiettivi professionali e identificare un concreto percorso di reinserimento; le attività di sostegno alla ricerca attiva del lavoro, sia attraverso i canali tradizionali sia con i canali online; l’accompagnamento all’inserimento lavorativo con contratto di tirocinio, che affianca lavoro e formazione; l’accompagnamento all’inserimento lavorativo con contratto di lavoro, di durata breve (da 3 a 6 mesi) o lunga (6 mesi o superiori). I laboratori di politica attiva sono stati riservati ai disoccupati di breve durata e sono attualmente conclusi. Le altre categorie di destinatari, in base ai loro bisogni, ricevono uno o più servizi tra l’orientamento, il sostegno alla ricerca attiva del lavoro e gli inserimenti lavorativi (tirocinio o contratto di lavoro).
La spesa media per ciascun destinatario è stata di 398 euro e 303 sono le sedi di soggetti accreditati (agenzie di somministrazione, cooperative sociali, agenzie formative, altri soggetti pubblici e privati) in cui è stato possibile usufruire del Buono.

Abbiamo commentato i dati e intervistato l’Assessora al lavoro del Piemonte Elena Chiorino.