Puntata #17 – 2 giugno 2018 – In Cina è meglio non prendersi il raffreddore
Radio Beckwith evangelica

Da emblema dell’efficacia del comunismo di Mao alla generale privatizzazione dei servizi: il quadro della sanità cinese è quello di un sistema strutturato in modo complesso e generalmente insufficiente a far fronte alla più grande popolazione al mondo, nel frattempo sempre più anziana.

Il mantenimento di un solido sistema sanitario è al centro dell’agenda politica della Cina. Nella direttiva del presidente cinese Xi Jinping, la salute nazionale è infatti un prerequisito per costruire una società “moderatamente prospera”. In base a questo quadro, il Politburo ha lanciato il piano “Healthy China 2030 Plan” nel 2016.

Playlist

Di cosa parliamo oggi

Durante il diciannovesimo Congresso del Partito Comunista Cinese, il direttore della Commissione nazionale per la pianificazione della salute e della famiglia, Li Bin, aveva riferito che il 95% dei cinesi ha oggi acesso a un sistema sanitario di base. Questo significa che il numero di persone che partecipano al sistema supera 1,35 miliardi e che la Cina ha la più grande rete di assistenza sanitaria di base del mondo.

Tuttavia, questo numero non deve ingannare, perché il sistema è molto più frammentato di quanto possa sembrare. Tre sottosistemi costituiscono attualmente il sistema sanitario di base in Cina: l’assicurazione medica di base per i lavoratori urbani, un sistema sanitario cooperativo rurale e l’assicurazione medica di base per i residenti urbani.

Mentre i tre sottosistemi coprono approssimativamente tutti i residenti urbani e rurali tra di loro, sono comuni problemi quali le difficoltà di rimborso e la partecipazione simultanea a due dei tre sottosistemi. A causa dei diversi standard di pagamento e dei tassi di rimborso tra i tre sottosistemi, molti lavoratori migranti rimandano indietro tutte le loro spese mediche nella loro città natale e chiedono il rimborso attraverso il nuovo sistema sanitario cooperativo rurale.

Nelle città che attraggono un gran numero di lavoratori migranti (come Pechino e Shanghai), fornire un risarcimento ai migranti che non hanno aderito al sistema sanitario della città sarebbe un onere enorme per i fondi assicurativi della città. Per evitare difficoltà di rimborso, molti lavoratori migranti sono obbligati ad ottenere un’assicurazione medica di base per i residenti urbani, anche se già partecipano al sistema rurale.

Nel 2016, il Consiglio di Stato ha pubblicato il “Parere sull’integrazione del sistema di assicurazione medica di base per i residenti urbani e rurali”, che proponeva la combinazione dell’assicurazione medica di base per i residenti urbani e il sistema sanitario cooperativo rurale. Ma questo documento non ha indicato quale ministero dovrebbe supervisionare l’assicurazione medica integrata. La lenta integrazione dei tre schemi medici è difficile da risolvere senza una riforma fondamentale della struttura normativa. Nel marzo 2018, il Consigliere di Stato Wang Yong ha annunciato l’istituzione del National Medical Insurance Bureau. Tutti i compiti relativi all’assistenza sanitaria che erano sotto la supervisione dei ministeri esistenti sono ora assegnati a questo nuovo Ufficio nazionale di assicurazione medica. La ristrutturazione del sistema normativo è un passo necessario verso la lotta alla ridondanza burocratica, ma non è detto che risolva il problema della frammentazione.

Oltretutto, una volta capito chi dovrà rimborsare e come le proprie prestazioni mediche, si entra in un nuovo livello di problema: la qualità delle cure e delle strutture.