Cominciamo Bene, la rassegna stampa ragionata di mercoledì 29 aprile 2020
Radio Beckwith evangelica

In primo piano

Continuano le ricerche scientifiche sul coronavirus: ora i lavori si concentrano sull’immunità al virus, che non è ancora una certezza.
La Cina respinge le accuse di mancanza di trasparenza sull’infezione da Covid-19. Secondo diverse testate, l’Ue avrebbe modificato un report sulle fake news a tema coronavirus per accontentare la Cina.

Mondo

Il governo francese inizierà ad allentare il lockdown a partire dall’11 maggio. Il premier spagnolo Pedro Sánchez ha annunciato un piano in quattro fasi per la fine delle misure restrittive, che sarà “graduale, asimmetrica e coordinata”: spetterà alle regioni decidere il cronoprogramma. In Germania, il tasso di contagio è risalito vicino alla soglia di 1: secondo alcuni esperti, le prime riaperture di negozi e scuole avrebbero aumentato le occasioni di contrarre il Covid-19. La Gran Bretagna è vicina a registrare il più alto numero di decessi da coronavirus in Europa: secondo l’ufficio per le statistiche nazionali, il 17 aprile il numero di morti superava le 24mila unità.
Negli Stati Uniti, il numero di persone contagiate dal coronavirus ha superato la quota di 1 milione. Secondo Donald Trump, gli Stati dovrebbero “considerare seriamente” la riapertura delle scuole prima della fine dell’anno accademico.
La Russia ha esteso il lockdown fino all’11 maggio, e Vladimir Putin ha ammesso la carenza di dispositivi di protezione per i medici.
Intanto, in Libano scoppiano le proteste: alcune banche sono state date alle fiamme, in risposta l’esercito avrebbe sparato e ucciso alcuni manifestanti.

Italia

L’agenzia di rating Fitch ha ridotto a BBB- il giudizio sull’affidabilità del debito pubblico italiano. L’outlook invece, è stabile. “Il downgrade riflette il significativo impatto del coronavirus sull’economia italiana e sulla posizione di bilancio”, scrive l’agenzia, che prevede un calo del Pil delll’8% nel 2020. Il centro studi di Confidustria prevede nel 2020 un calo del Pil dall’8 al 10%, a fronte del -6 previsto un mese fa.
Durante l’audizione sul Def, il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha annunciato le misure che entreranno nel decreto aprile.
Secondo gli esperti del comitato tecnico-scientifico, la riapertura di tutti i comparti produttivi e delle scuole avrebbe causato un numero di persone in terapia intensiva pari a 151mila e un nuovo picco di contagi a giugno.
Sempre più regioni rivendicano l’autonomia decisionale in alcuni comparti e su alcune misure da adottare. In visita a Lodi, Cremona e Piacenza, il premier Giuseppe Conte ha difeso la linea del governo sulla fase due.
Intanto, i dati della Protezione Civile confermano il calo dei malati: gli attualmente positivi sono 105.205, 608 in meno rispetto a ieri.
L’app Immuni sarà pronta a maggio, ha dichiarato il commissario straordinario per l’emergenza Domenico Arcuri. In una prima versione, saranno disponibili le funzionalità dedicate al contact tracing, solo in un secondo tempo anche i servizi di diario clinico.

Ascolta la puntata

Foto via Flickr