Cominciamo bene

La rassegna stampa ragionata
con Matteo De Fazio e Marco Magnano
14 luglio 2017

Mercoledì 12 luglio in Senato alcuni senatori italiani hanno incontrato una delegazione della Open Dialog Foundation, organizzazione che da anni si occupa di difesa dei diritti umani in Russia e nello spazio post-sovietico. Al centro dell’incontro l’urgenza di una riforma dell’Interpol, che il senatore Lo Giudice definisce «abusata da quei regimi autoritari che emettono avvisi di cattura internazionale per ‘reimpossessarsi’ dei loro oppositori politici».

13 luglio 2017

A un anno dal fallito golpe, centinaia di migliaia di persone sono scese in strada contro il protrarsi dello stato d’emergenza voluto da Erdogan per attuare una dura repressione. Ne parliamo con Carlo Pallard, storico e redattore della rivista East Journal.

5 luglio 2017

«Con la stagione estiva – afferma Alberto Mallardo, analista e mediatore culturale del progetto Mediterranean Hope – ci aspettavamo un aumento del numero di arrivi, perché capita tutti gli anni. Guardando le statistiche ufficiali del ministero degli Interni, il numero di persone censite alla fine di giugno corrisponde a circa 100.000 unità, quindi ci dovrebbe essere un aumento del 15% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. È chiaro che non è questo a mettere in difficoltà le autorità italiane e il sistema dell’accoglienza del nostro Paese, ma a farlo probabilmente è il peso della gestione delle persone che sono comunque arrivate negli anni passati e che ancora oggi si trovano in strutture in cui oramai non dovrebbero essere più».

4 luglio 2017

Il caso di Charlie Gard, il bambino inglese di dieci mesi a cui i medici hanno impedito il ricorso a una terapia sperimentale perché ritenuta accanimento terapeutico, ha riportato sulle pagine dei giornali il dibattito sulle scelte legate al cosiddetto “fine vita”, un tema molto sensibile a cui tuttavia non corrisponde, nel nostro Paese, un adeguato sistema normativo.

30 giugno 2017

Nel dicembre del 2016 i capi di Stato e di governo dei Paesi dell’Unione europea avevano annunciato che entro il mese di giugno del 2017 si sarebbe trovato un percorso condiviso per la riforma del diritto d’asilo. Eppure, il semestre di presidenza maltese è passato senza che ci fosse nessun accordo.

30 giugno 2017

Ricomparso lo scorso ottobre, il colera «sta interessando tutti i governatorati del Paese», spiega il medico Roberto Scaini, di Medici Senza Frontiere, che è stato a capo dell’équipe medica dell’ospedale di Haydan, nel nord dello Yemen, e negli ultimi due mesi ha mantenuto contatti costanti in varie aree. «È una situazione che ci aspettavamo sin dall’inizio – ricorda – perché quella che è la situazione, ormai di normalità, faceva presupporre che la diffusione sarebbe stata ovunque veloce e completa».

29 giugno 2017

Comunità e attivisti non hanno accettato il divieto delle autorità, anche per ricordare Hande Kader, la transgender uccisa ad agosto. Gli scontri con i nazionalisti di destra, contrari alla marcia e ai diritti delle persone LGBTI, hanno spinto il governo a vietare l’evento parlando di “ragioni di sicurezza”. Secondo alcuni, il nodo della questione sta nell’islamizzazione del Paese, ma non tutti sono d’accordo. Ne abbiamo parlato con Giorgio Rainelli, presidente di Refo, Rete Evangelica Fede e Omosessualità.

28 giugno 2017

Grazie alle proteste degli studenti di Jajce, la scorsa settimana il governo cantonale ha deciso di cancellare il piano, annunciato a giugno 2016, di costruire una nuova scuola secondo la logica dvije škole pod jednim krovom, “due scuole sotto un tetto”, separate quindi su base etnica tra croati e bosniaci.
Ce lo racconta Lidija Pisker, giornalista bosniaca dell’Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa.

27 giugno 2017

Domenica 25 giugno si è votato per il rinnovo dei 140 seggi del parlamento albanese. Il Partito socialista dell’attuale premier Edi Rama ha superato ogni previsione raggiungendo da solo i numeri per controllare la maggioranza. Ce lo racconta Nicola Pedrazzi, collaboratore di Osservatorio Balcani e Caucaso Transeuropa.

26 giugno 2017

Nella giornata di oggi la riforma del Codice antimafia arriva nell’aula del Senato, dopo che alla Camera era stato approvato in prima lettura nel novembre del 2015. Si tratta di un provvedimento che, dopo il primo passaggio parlamentare, era rimasto in commissione Giustizia al Senato fino al 27 aprile 2017, senza però uscirne con la certezza dell’approvazione. Ne parliamo con Alberto Vannucci, docente di Scienza Politica all’università di Pisa e coordinatore del master in analisi, prevenzione e contrasto della criminalità organizzata e della corruzione.

23 giugno 2017

Nuova condanna per l’Italia da parte della Corte europea dei diritti umani, Cedu, ancora una volta sui fatti del G8 di Genova del luglio 2001. La causa fa preciso riferimento a quanto accadde nella notte tra il 21 e il 22 luglio all’interno della scuola Diaz e nella scuola Pascoli, dove i movimenti che contestavano il vertice avevano allestito il centro stampa e l’ufficio legale.

22 giugno 2017

All’arrivo della legge in aula, il 14 giugno, i senatori leghisti hanno protestato in modo plateale e violento. Il disegno di legge è sostenuto dal governo, dal Partito democratico e dai partiti di sinistra, mentre Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia sono contrari. Il Movimento 5 stelle ha dichiarato che si asterrà.
Ne parliamo con Milena Santerini, deputata di Democrazia Solidale – Centro Democratico, che ha contribuito alla stesura della legge.