Cominciamo Bene, la rassegna stampa ragionata di mercoledì 15 luglio 2020
Radio Beckwith evangelica

In primo piano

Si è concluso questa mattina il Consiglio dei ministri sul dossier Autostrade: fonti di Palazo Chigi fanno sapere che Autostrade sembra aver accolto  tutte le richieste del governo. È stato dato mandato a Cassa depositi e prestiti e ai ministri dell’Economia e delle Infrastrutture di trattare da un lato l’uscita graduale di Atlantia da Aspi e dall’altro un nuovo accordo su tutti gli aspetti della convenzione.
Il Parlamento Ue ha lanciato un appello affinché gli Stati membri cessino la vendita di armi a Yemen e Libia.

Mondo

 Il bilancio dei morti provocati dal coronavirus a livello globale ha superato quota 573 mila. I casi, invece, sono 13.103.290.
Negli Usa gli Stati che stavano riaprendo, a partire da California, Texas e Florida, sono stati costretti a chiudere di nuovo gran parte delle attività essenziali.
Si prospetta un vertice Ue in salita sul Recovery Fund, ma la cancelliera tedesca Merkel assicura di essere pronta a compromessi.
Il governo francese aumenterà gli stipendi del personale sanitario per un totale di otto miliardi di euro.
Dal primo gennaio 2021 Huawei sarà esclusa dalla lista dei fornitori delle tecnologie per la nuova rete 5G del Regno Unito. Entro il 2027 dovranno essere rimosse anche tutte le tecnologie e i componenti ancora attivi forniti da Huawei alle reti britanniche negli ultimi 15 anni, compreso il 4G.
Le banche americane perdono profitti per le nuove maxi-riserve a causa dei prestiti in sofferenza.
L’amministrazione Trump ha fatto marcia indietro e ha revocato la sua decisione di privare dei visti gli studenti stranieri degli atenei statunitensi che terranno solo corsi online a causa del coronavirus.
È stato azzerato lo status speciale di Hong Kong nelle relazioni commerciali con gli Usa.
Negli Stati Uniti è stata eseguita la prima condanna a morte federale dal 2003, dopo il via libera della Corte Suprema.

Italia

Camera e Senato dovranno eleggere i nuovi presidenti delle Commissioni e non ci si aspetta rinvii: lo scoglio più difficile da superare sembra essere quello del renziano Luigi Marattin in bilico tra le commissioni Bilancio e Finanze di Montecitorio.
Ieri sono stati eletti i nuovi membri di Agcom e del collegio del Garante della Privacy.
Oggi il premier Giuseppe Conte riferisce in Parlamento in vista del Consiglio europeo del 17 luglio. Intanto prosegue il lavoro diplomatico delle cancellerie per trovare un accordo sul Recovery Fund.
Secondo Eurostat a maggio, quando gli Stati membri hanno iniziato ad allentare le misure di contenimento Covid-19, la produzione industriale destagionalizzata è aumentata del 12,4% nell’area dell’euro e dell’11,4% nell’Ue, rispetto ad aprile 2020.
Sono 114 i nuovi contagiati da Covid-19 nelle ultime 24 ore, in calo rispetto ai 169 di lunedì.
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha confermato in Senato che il governo prorogherà le misure di contenimento dell’epidemia, che aveva introdotto lo scorso 11 giugno, almeno fino al 31 luglio.
Sarebbero ancora 109mila le domande di cassa integrazione in attesa secondo i dati Inps.

Ascolta la puntata

Foto via Flickr