Cominciamo Bene, la rassegna stampa ragionata di venerdì 28 agosto 2020
Radio Beckwith evangelica

In primo piano

Continua la crisi tra Grecia e Turchia: il parlamento greco ha ratificato l’accordo sulla demarcazione marittima con l’Egitto, che taglia ogni legame tra Turchia e Libia. Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, alla riunione informale di Berlino, ha detto che le esercitazioni navali devono interrompersi per consentire i colloqui tra Atene e Ankara.
Fonti del governo di accordo nazionale libico hanno denunciato una violazione del cessate il fuoco da parte delle forze del generale Khalifa Haftar.

Mondo

Nella notte il presidente Donald Trump ha accettato la nomination per la Casa Bianca.
La banca centrale americana apre alla possibilità di mantenere i tassi ai minimi anche se l’inflazione supera il 2%.
L’economia americana nel secondo trimestre si è contratta del 31,7% rispetto a un anno fa. Le richieste di sussidi di disoccupazione sono calate di 98mila unità, pur rimanendo sopra il milione.
A tre giorni dal ferimento in Wisconsin di Jacob Blake la polizia ha dato la sua versione: a sparare per sette volte sarebbe stato un solo agente. Continua intanto la nuova ondata di proteste.
Il gruppo Facebook di cui faceva parte il 17enne che ha aperto il fuoco sui manifestanti antirazzisti a Kenosha era già stato segnalato dagli utenti, ma il social network non aveva ravvisato violazioni.
Pechino ha denunciato una “logica della tirannia” dopo le sanzioni adottate dagli Usa contro 24 società cinesi e diverse decine di funzionari accusati di collaborare alla militarizzazione del Mar Cinese Meridionale.
La Cina avrebbe costruito negli ultimi tre anni più di 260 campi di internamento nella regione dello Xinjiang, con una capienza fino a 10 mila persone ciascuno.
Su richiesta di Alexander Lukashenko, Mosca ha costituito delle unità di riserva delle forze di sicurezza pronte a intervenire in Bielorussia.
Il ministero dell’interno russo ha avviato un’inchiesta preliminare sul caso di Alexei Navalny, ricoverato a Berlino per un sospetto avvelenamento in Siberia.
La giunta militare alla guida del Mali dopo il colpo di stato del 18 agosto ha annunciato di aver rilasciato il presidente Ibrahim Boubacar Keita.
La Commissione europea ha firmato il primo contratto di acquisto anticipato di vaccino con la società AstraZeneca, per la fornitura di 300 milioni di dosi.
La Francia ha istituito zone rosse in 19 dipartimenti alla luce dell’aumento di seimila contagi in un giorno.

Italia

L’Italia ieri ha registrato 1.411 nuovi contagi, 44 in più di giovedì a fronte di un aumento di 500 tamponi. L’età media dei nuovi positivi si abbassa a 29 anni.
Misurazione della temperatura a casa e niente mascherina in classe solo se c’è distanziamento: sono alcuni dei punti fermi della ripresa della scuola illustrati in Commissione alla Camera. La ministra Lucia Azzolina ha firmato il decreto per l’assunzione di 70mila tra docenti e personale Ata.
Intanto, la Conferenza Stato-Regioni ha approvato il piano dell’Iss con le indicazioni per gestire eventuali focolai a scuola ma molte questioni restano aperte.
Il Tar di Palermo ha sospeso il decreto del presidente della Regione Nello Musumeci sulla chiusura degli hotspot e dei centri di accoglienza in Sicilia.

Ascolta la puntata

Foto via Flickr