Cominciamo Bene, la rassegna stampa ragionata di giovedì 3 settembre 2020
Radio Beckwith evangelica

In primo piano

​​​​​​​Il governo tedesco ha acquisito prove sul fatto che il dissidente russo Alexei Navalny sia stato avvelenato con l’agente nervino Novichok.
Canada, Usa, Unione Europea e Gran Bretagna stanno discutendo sanzioni contro la Bielorussia. In una conferenza stampa, il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha definito “distruttive” le dichiarazioni della Nato sulla Bielorussia.

Mondo

Nuove sperimentazioni internazionali suggeriscono che steroidi poco costosi e ampiamente disponibili migliorano le probabilità di sopravvivenza al coronavirus per pazienti gravi.
I Centers for Disease Control and Prevention hanno chiesto agli Stati Usa di prepararsi alla distribuzione di un potenziale vaccino a partire dal 1° novembre. Intanto, il nuovo consigliere sanitario di Trump è contrario a mascherine e lockdown.
Con un cambio di approccio, l’Unione Europea potrebbe comprare dosi di vaccino tramite uno schema di acquisto guidato anche dall’Oms: questo permetterebbe all’Ue di ottenere vaccini da aziende che non stanno dialogando direttamente con Bruxelles.
La Svizzera potrebbe aggiungere i viaggiatori provenienti dalla Francia alla lista di coloro che devono sottoporsi alla quarantena.
La Francia ha registrato mercoledì 7.017 nuovi casi e un aumento dei ricoveri in terapia intensiva
Con un’inversione di marcia, il governo britannico non allenterà le restrizioni nell’area di Manchester.
Dopo un incontro con il capo negoziatore britannico David Frost, il suo omologo europeo Michel Barnier si è detto “preoccupato e deluso”.

Italia

La Camera ha approvato con il voto fiducia il decreto Covid che proroga lo stato di emergenza fino al 15 ottobre prossimo. Il decreto passa al Senato per l’approvazione definitiva.
In un’informativa al Senato, il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato che se il candidato vaccino dovesse rivelarsi sicuro, le prime dosi saranno disponibili entro la fine dell’anno grazie all’accordo tra Unione Europea e la casa farmaceutica Astrazeneca.
Per il ministro Speranza priorità del governo è la riapertura di tutte le scuole a settembre. In Veneto e Lazio gli alunni verranno sottoposti ai test rapidi se un compagno dovesse risultare positivo.
 Nelle graduatorie online per i precari della scuola sono emersi evidenti e diffusi errori – il ministero ne ha accertati circa 40.000 – nell’assegnazione dei punteggi. L’anno scolastico inizierà con 200.000 ruoli mancanti, da occupare con supplenti.
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha commentato l’andamento economico italiano: il crollo dell’8% stimato qualche mese fa andrà rivisto in peggio, ma il risultato alla fine dell’anno non sarà molto diverso da quello che il governo si era dato.
Mercoledì in Italia sono stati registrati 1.326 nuovi casi di coronavirus e sei decessi. A Trento in un’azienda di lavorazione della carne sono stati registrati 24 casi positivi; sono invece 14 i contagiati registrati tra Taormina e Giardini Naxos e 20 in una Rsa di Taranto.
Lampedusa è tornata a essere in prima linea sulla frontiera marittima.

Ascolta la puntata

Foto via Flickr