La bandiera e lo smartphone dei giovani iracheni – Intervista a Ismaël Dawood
Radio Beckwith evangelica

Dai primi giorni di ottobre i giovani di Baghdad e di molte altre città irachene sono scesi in pazza per protestare contro il governo e la corruzione della politica. I manifestanti non portavano simboli di partito o religiosi, ma solamente la bandiera dell’Iraq e uno smartphone per documentare e trasmettere i messaggi della protesta.

Eppure la repressione messa in atto dalla polizia è stata molto violenta: il bilancio è giunto a circa 110 vittime.

Oggi la piazza sembra calma, ma sembra che i giovani iracheni aspettino una nuova opportunità per far sentire le loro voci.

Ne parla Ismaël Dawood, Civil Society Officer di Un Ponte Per…

Ascolta l’intervista

Foto di Free Photos da Pixabay