Incontro per la distensione in Kenya
Radio Beckwith evangelica

Da tempo il Kenya è diviso da una lotta politica a sfondo sociale, quella tra il Presidente della Repubblica Kenyatta e il capo dell’opposizione Odinga: dopo la dichiarazione di invalidità delle votazioni di agosto, la contestazione a quelle di ottobre e il giuramento di Kenyatta in gennaio la situazione sembrava complicarsi ulteriormente. I due schieramenti non hanno solo basi politiche diverse, ma sono sostenuti da differenti gruppi etnici, e ciò ha portato a diversi scontri tra la popolazione.

L’incontro tra i due capi politici, avvenuto il 9 marzo, sembra aver portato distensione. Entrambi cercano la coesione per il paese, in un momento di crisi ulteriormente aggravata dalla situazione regionale: la presenza di gruppi legati al radicalismo islamista nelle zone vicine alla Somalia e sulla costa e l’enorme campo profughi di Dadaab minano le potenzialità del Kenya, Stato strategico nell’Africa orientale.

Le chiese presenti nel paese, da quelle riformate a quella cattolica, in questa situazione di crisi hanno creato rete sul territorio per cercare unione e dialogo nazionale: l’incontro tra Kenyatta e Odinga non può che essere visto come l’inizio di una fase di distensione.

Ne parla Enrico Casale, redattore di Rivista Africa, periodico della Società dei Missionari in Africa.

Ascolta l’intervista

Foto via Flickr