Un nuovo stallo per Open Arms
Radio Beckwith evangelica

Quella a cui si sta assistendo in questi giorni sembra una storia simile a molte altre avvenute negli ultimi anni. Una nave di una ong mette in salvo decine o centinaia di persone, fa richiesta di un porto sicuro per lo sbarco e si vede negate le autorizzazioni da parte di Stati della “frontiera meridionale” europea.

Da questa mattina la nave della ong spagnola Open Arms è ferma in mare a poche miglia da Palermo con 275 persone a bordo. Dopo il rifiuto da parte di Malta, nella giornata di ieri si sono verificati momenti di tensione a bordo. Gli spazi a bordo iniziano a scarseggiare, le persone salvate in mare hanno in molti casi bisogno di cure.

Questa storia che si ripete sembra essere frutto di una politica altrettanto ripetitiva: i Paesi che dovrebbero rappresentare i porti sicuri mirano a lanciare un messaggio politico a livello internazionale per la ripartizione delle responsabilità. Un messaggio che però passa sopra le persone in condizioni di vulnerabilità presenti sulle navi.

Ne parla Francesca Bocchini, dell’Ufficio Umanitario di Emergency.

Ascolta l’intervista

Foto via

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli