Cominciamo Bene – La rassegna stampa ragionata di martedì 13 ottobre 2020
Radio Beckwith evangelica

In primo piano

Dopo un giorno di confronto con le Regioni e gli enti locali, il governo ha varato il nuovo Dpcm per cercare di contenere l’aumento dei contagi ed evitare nuovi lockdown. Tra le nuove misure dovrebbe esserci il divieto, dalle 21, di sostare davanti a pub e ristoranti, che chiuderanno a mezzanotte. Nelle feste in casa saranno ammesse fino a sei persone; vietati gli sport amatoriali che prevedono contatto fisico.
Una circolare del Comitato Tecnico Scientifico propone di cambiare il protocollo della quarantena, che scende a 10 giorni.
L’Inps ha chiarito che l’isolamento fiduciario a casa non sarà considerato malattia.

Mondo

​​​​​​​Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato l’introduzione di un lockdown in “tre livelli”: medio, alto e molto alto, cui corrispondono restrizioni proporzionali.
Apprensione anche in Francia, dove il numero dei contagi ha toccato il picco negli ultimi 5 mesi.
La città cinese di Qingdao sta effettuando i test su tutti i 9,5 milioni di residenti.
Il consiglio europeo dei ministri degli Esteri ha avviato un procedimento sanzionatorio nei confronti del presidente bielorusso Alexander Lukashenko e dei responsabili dell’avvelenamento di Alexei Navalny in Russia.
Cina, Russia, Pakistan e Arabia Saudita entreranno a breve nel Consiglio dei diritti umani dell’Onu, nonostante gli appelli contrari di diverse Ong e associazioni.
Da oggi il Bangladesh introduce la pena di morte per il reato di stupro.

Italia

Con 294 voti favorevoli il governo ha ottenuto la fiducia alla Camera sul decreto agosto. Le norme del decreto rappresentano la terza «manovra» adottata dal governo dall’inizio della pandemia.
In vista della votazione di mercoledì e giovedì sulla Nadef la maggioranza deve fare i conti con deputati e senatori in quarantena.
Il pm di Milano Paolo Storari ha chiuso le indagini per caporalato sui rider e reati fiscali, che già a fine maggio avevano portato il tribunale a disporre il commissariamento di Uber Italy.
I Ministeri della Difesa e dello Sviluppo Economico hanno presentato un elenco di progetti di carattere militare per l’ammontare di circa 30 miliardi di euro da finanziare con il Recovery Fund.

Ascolta la puntata

Foto via Flickr